Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Dicembre 2022

Pubblicato il

Ucraina Bis

Carburante, via le accise per 30 giorni: cala il prezzo alla pompa di benzina

di Redazione
Decreto legge da oggi in Gazzetta Ufficiale: per effetto della riduzione delle accise diminuiranno i prezzi dei carburanti per 30 giorni

Al via da oggi il taglio delle accise sul carburante. Sono stati pubblicati oggi 22 marzo in Gazzetta Ufficiale i decreti decisi in Cdm la scorsa settimana che contengono le misure urgenti per contrastare gli effetti economici e sociali del conflitto in Ucraina.

Via le accise per 30 giorni: scende prezzo del carburante

Il Decreto legge “Misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina” e per effetto della riduzione delle accise diminuiranno i prezzi dei carburanti per 30 giorni.

Il decreto prevede anche una norma finalizzata ad aiutare i lavoratori che usano mezzi propri per arrivare sul luogo di lavoro: i buoni benzina, fino a 200 euro, che i datori di lavoro daranno ai propri dipendenti non concorreranno al reddito, quindi non saranno tassati.

Aumento tetto Isee per ottenere bonus bollette

Vale inoltre fino al 31 dicembre l’aumento del tetto Isee del bonus bollette previsto d’ora in poi per le famiglie che hanno un indicatore fino a 12.000 euro. E’ una delle novità previste dal decreto Ucraina bis pubblicato in Gazzetta Ufficiale. L’aiuto per le famiglie si applicherà dal prossimo primo aprile.

Tassa su extraprofitti

Tra gli altri interventi in vigore da oggi ci sono anche la tassa sugli extraprofitti delle società energetiche, pari al 10% per il solo 2022 e che dovrà essere versata il prossimo giugno. Il governo ha inoltre rafforzato le misure di accoglienza dei profughi, così come ha aumentato il sostegno per le imprese in difficoltà. Il decreto pubblicato in Gazzetta, inoltre, contiene il rafforzamento della golden power nel settore delle telecomunicazioni.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo