Vuoi la tua pubblicità qui?
18 Agosto 2022

Pubblicato il

Ritrovamento

Carabinieri recuperano documenti Seconda Guerra Mondiale

di Redazione
I documenti sono stati restituiti alla Croce Rossa Italiana e saranno custoditi nell'archivio storico dell'Associazione
documenti ritrovati dai carabinieri e consegnati alla croce rossa
Documenti e dossier ritrovati dai Carabinieri e donati alla Croce Rossa Italiana

Mappe a colori e dossier dattiloscritti risalenti al periodo della Seconda Guerra Mondiale, realizzati dall’Ufficio Tecnico Sanitario del Comitato Centrale della CRI e relativi a piani antiaerei e anti-attacco chimico di diverse città italiane (Agrigento, Avellino, Belluno, Bergamo, Brescia, Caltanissetta, Catanzaro, L’Aquila, Lucca, Lecce, Macerata, ecc), sono stati restituiti alla Croce Rossa Italiana a seguito del lavoro svolto dai Carabinieri del Nucleo di Roma del Comando Tutela Patrimonio Culturale.

Il materiale era stato posto in vendita online da un privato, salvo poi essere sequestrato a seguito di una denuncia rivolta proprio ai Carabinieri. Dopo gli accertamenti necessari e i relativi atti giudiziari, i documenti tornano così alla CRI e saranno custoditi nell’Archivio Storico dell’Associazione.

“Il più sincero ringraziamento all’Arma dei Carabinieri, con la quale la Croce Rossa collabora da sempre, per averci permesso di riportare a casa documenti che sono parte integrante della nostra storia – ha detto il Vicepresidente della Croce Rossa, Rosario Valastro – e dell’attività di supporto svolta nel corso della Seconda Guerra Mondiale dalla Croce Rossa Italiana e dai suoi Volontari.

Davanti al conflitto e alle emergenze che ne scaturirono, la CRI si fece trovare pronta, confermando il suo impegno al servizio di qualsiasi vulnerabilità. Questi documenti sono il segnale indelebile della costanza e della passione che muovono le nostre donne e i nostri uomini, e sono simbolo di una ferma volontà che, oggi come allora, contraddistingue il nostro operato anche nei contesti più delicati e dinanzi alle grandi sfide.

Stiamo lavorando per rendere nuovamente fruibile il nostro archivio che ha distaccamenti in tutta Italia. A Trieste, ad esempio, abbiamo una testimonianza dell’esodo giuliano-dalmata, rispetto al quale Croce Rossa operò in soccorso dei profughi.
Avere un passato così prestigioso è per noi una spinta per il futuro. Siamo eredi di una storia importante”.
(Com/Enu/ Dire) 

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo