BiciRoma: Nuovo incidente mortale per un ciclista, e l’Amministrazione?

1
"Nella scorsa settimana ci sono stati importanti e seguiti convegni, uno al Campidoglio e uno al Maxxi ai quali hanno partecipato rappresentanze dell’amministrazione capitolina a cominciare dalla Sindaca Raggi.
Convegni ben organizzati ed interessanti dove sembra quasi che Roma sia una città così bike friendly da potersi permettere di non fare investimenti e di evitare di realizzare il Piano Quadro della Ciclabilità che doterebbe la città di 1.000 km di corsie ciclabili, ma purtroppo la realtà è ben diversa.
 
Ce lo rammenta l’incidente mortale di ieri sera, sul Lungotevere, che si aggiunge agli altri di questi ultimi anni a ricordare come senza infrastrutture serie e ben fatte la sicurezza per i ciclisti resta una chimera e consulte e convegni non li evitano.
BiciRoma chiede all’amministrazione capitolina di riprendere l’iter realizzativo del Piano Quadro della Ciclabilità, spendere milioni di € per progetti nati dal nulla ( ma si dice dal basso) che inizialmente a costo zero superano poi di slancio la decina di milioni di € servono a ben poco per la sicurezza dei ciclisti urbani.
 
Ci aspettiamo un segnale forte che deve andare oltre le prossime bike lane già annunciate, m subito con il bilancio 2018 dove vorremmo finalmente vedere una voce specificatamente dedicata alla ciclabilità con fondi certi e consistenti per le infrastrutture ciclabili e la loro manutenzione.
 
Chiediamo tutele per i ciclisti cominciando dalla difesa della principale ciclabile romana quella lungo il Tevere e dal rifacimento della segnaletica orizzontale sulle ciclabili esistenti per lo più scomparsa.
Così come provvedimenti quasi a costo zero come il Gruppo ciclistico della Polizia Locale". Così un comunicato del movimento BiciRoma.