Vuoi la tua pubblicità qui?
22 Gennaio 2022

Pubblicato il

Aumenta la TARI

Aumenta la TARI: ecco dove si paga di più. Lazio al settimo posto nella classifica

di Redazione
È di 312 euro la tassa per i rifiuti pagata in media da una famiglia in Italia nel 2021
camion immondizia

Non si arresta il caro rifiuti con un aumento della Tari che negli ultimi 5 anni è stato in media del 2,4%, e ha portato nel 2020 la spesa media delle famiglie italiane (4 componenti per un casa di 80 mq) a 307 euro, a fronte dei 304 del 2019 e dei 299 nel 2016.

La classifica: dove si paga di più

L’Osservatorio prezzi e tariffe dell’associazione Cittadinanzattiva ha realizzato una rilevazione sugli importi da sborsare e le differenze fra le varie zone d’Italia.

È di 312€ la tassa per i rifiuti pagata in media nel 2021 da una famiglia nel nostro Paese, con un aumento dell’1,5% rispetto all’anno precedente.

La regione con la spesa media più bassa è il Veneto, con 232 euro, una diminuzione del 4% circa rispetto all’anno precedente, e la raccolta differenziata pari al 72%. Al contrario, la regione con la spesa più elevata resta la Campania con in media 416 euro a famiglia.

L’indagine sui costi sostenuti dai cittadini per lo smaltimento dei rifiuti in tutti i capoluoghi di provincia prende come riferimento nel 2021 una famiglia tipo composta da 3 persone ed una casa di proprietà di 100 metri quadri.

Lazio al settimo posto: il centro rimane stabile

A livello di aree geografiche, i rifiuti costano meno al Nord (in media 270 euro, +1,6% rispetto al 2020), segue il Centro (313 euro, +2,4%) e infine il Sud, più costoso (353 euro, +1,3%).

Tra le altre Regioni in cui si è registrato un forte rincaro della TARI, figura il Molise con +6,1%, mentre rimangono stabili Umbria e Lazio, dove però Roma si trova tutt’ora in profonda crisi con la gestione dei propri rifiuti.

La classifica, riconferma purtroppo l’evidente gap tra nord e sud nella gestione dei rifiuti urbani, ad eccezione della Liguria.

A fronte di una spesa media a famiglia che continua a salire e di una eccessiva sperequazione della tariffa fra le regioni e le singole città, ci spiace constatare che soltanto il 10% dei capoluoghi di provincia applica la tariffa puntuale che incentiverebbe le famiglie a produrre meno rifiuti. Allo stesso modo ancora scarseggiano le iniziative per favorire il riuso e per ridurre i rifiuti, sebbene finalmente tutte le regioni registrino un aumento nei livelli di raccolta differenziata”, dichiara Tiziana Toto, responsabile politiche dei consumatori di Cittadinanzattiva.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo