16 Giugno 2021

Pubblicato il

Reagire e meravigliarsi

Antonio Guidi: “Ho un tumore ma ecco perché possiamo sentirci vitali anche nella malattia”

di Antonio Guidi

Non sopporto il voyeurismo del dolore e l'esibizionismo della sofferenza, ma c'è qualcosa che sento di dover comunicare con urgenza

Antonio Guidi tumore
Antonio Guidi

Sembra assurdo dirlo così, “sono Antonio Guidi e ho un tumore”. Tuttavia non c’è altro modo. Non sopporto il voyeurismo del dolore e l’esibizionismo della sofferenza, ma c’è qualcosa che sento di dover comunicare con urgenza.

Intanto ve lo dico perché anche nel mezzo di una pandemia virale tutti i pazienti devono essere curati, qualsiasi sia la loro patologia, che sia cardiologica, depressiva, cancro o altro. E questo dobbiamo pretenderlo. Ma ve lo dico soprattutto perché voglio reagire e si deve reagire.

Reagire alle pandemie, alla povertà, all’ingiustizia, all’ipocrisia, e anche al tumore. Ci si può sentire vitali e scoprirsi meravigliati anche nella malattia.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento