Vuoi la tua pubblicità qui?
24 Gennaio 2021

Pubblicato il

Animalisti protestano in Campidoglio contro le botticelle VIDEO

di Redazione

Manifestazione promossa dal PAE. Alcuni manifestanti hanno tentato di occupare i Musei Capitolini

Il sindaco Marino, per dirla con le parole di Stefano Fuccelli del Partito Animalista Europeo, consente che nella sua città ogni giorno vada in scena l’illegalità. Il tema al centro della protesta che il PAE ha organizzato per oggi in piazza del Campidoglio è quello delle botticelle.

Fuccelli era già intervenuto sul tema, denunciando il primo cittadino della Capitale alla Procura, all’indomani del blitz del Corpo Forestale dello Stato nelle stalle di Testaccio, deposito dei vetturini, che ha portato al sequestro dell’ex Mattatoio e di 2 cavalli detenuti in condizioni non idonee alla loro natura. Allegato all’atto di denuncia-querela del PAE anche il video che abbiamo mostrato qui.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La manifestazione di oggi, però, sembra essere rimasta inascoltata da parte del sindaco Marino, che “ci ha ignorati” – come viene spiegato nel video. Allora, per far sentire la loro voce, alcuni manifestanti hanno deciso di occupare i Musei Capitolini, varcandone l’ingresso. Un piccolo gruppo di persone, per pochi minuti, è riuscito nell’intento, entrando all’interno dei Musei, altri sono stati respinti dalle Forze dell’Ordine.

In poco tempo, tutto si è ristabilito. “Siamo stati costretti a compiere un’azione fuori legge per far rispettare la legge: questo è il paradosso che viviamo in Italia” – commenta Fuccelli a margine dell’episodio.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Come denuncia il presidente del PAE, l’illegalità è dovuta al fatto che i vetturini non sono in regola “con le targhe, né con i sistemi di sicurezza, né con la segnaletica”. E a Roma “non esiste una commissione medico-veterinaria per gli equidi” – incalza. Tutte queste forme di violazione “vengono autorizzate in maniera indiscriminata dal sindaco Marino”.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento