Vuoi la tua pubblicità qui?

Pubblicato il

Alluvione Emilia Romagna, sindaco Forlì: “Situazione apocalittica”

di Adnkronos

(Adnkronos) – "Al momento sono tre le vittime accertate e tantissimi gli sfollati. In 400 sono già stati sistemati tra il centro di accoglienza allestito vicino al Palafiera, il secondo che è un centro sociale via Angeloni, anche questo già saturo, nell’ex palestra di via della Libertà e stiamo organizzando un nuovo punto al pattinodromo di via Ribolle. Ma la situazione è apocalittica, ci eravamo preparati, avevamo diramato allarmi: la realtà ha superato anche le più pessimistiche previsioni”. A parlare all’Adnkronos è Gian Luca Zattini, sindaco di Forlì.  "Alcuni quartieri sono isolati, quelli vicino al fiume Montone che ha straripato (Romiti, La Cava, San Benedetto, Roncadello), molte zone sono senza corrente, considerato che le cabine sono finite sott’acqua – spiega – Abbiamo attivato una serie di numeri per le emergenze, tantissime le telefonate che riceviamo in continuazione. Appena ora – annuncia – abbiamo finito una riunione dove è stato messo insieme un sistema di coordinamento per la consegna a domicilio dei pasti a chi non ha possibilità di muoversi: questo anche tramite le associazioni di volontariato e gli scout. E poi sono fondamentali i mezzi anfibi della protezione civile, 32 uomini sono arrivati dal Friuli con le autopompe e i veicoli per raggiungere le zone allagate, ne arriveranno anche dalla Lombardia. Intanto questa mattina stiamo liberando le strade del quartiere Romiti, tra cui l’arteria principale che è via Bologna".  Tanta la solidarietà, anche qui a Forlì. "Sono state oltre 500 le richieste arrivate da cittadini che vogliono dare una mano, da aziende che porteranno beni di prima necessità – conclude – Il supporto di tutti è ad oggi fondamentale". (dall'inviata Silvia Mancinelli) —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo