Al via la stagione venatoria 2014. Occhio alla penna…

2

Uno, due… tre colpi e il piccione viene giù. Non c’è rimasto molto del volatile. I colpi lo hanno quasi disintegrato ma tant’è.  D'altronde, da diversi anni,  non c’è molto altro a cui sparare e il piccione cittadino sembra essere  l’ultima spiaggia per far tuonare un fucile ’che altrimenti: “che siamo venuti a fare?”.

E allora, stamattina come tutti gli anni, la giornata di caccia è cominciata ben prima dell’alba. Non sono risparmiate nemmeno le poche aree verdi che circondano le grandi città come Roma dove, grazie a controlli pari a 0, la pioggia dei pallini di piombo arriva non di rado sui tetti dei condomini.

Per le statistiche di rito, quelle che raccontano di colpi partiti per sbaglio e di stivali impallinati, è ancora presto e la maggior parte degli uccelli protetti dalla legge non sono mai stati un grosso problema per nessuno se non per i pochi operatori forestali che, da soli, possono ben poco nonostante l’impegno e la passione.

Il sole, ormai, è su da un pezzo e il cielo di Roma sembra più sgombro che mai. Poche nuvole e ancor più rari i battiti d’ali. Solo i fucili continuano a tuonare. A chi o cosa sparino? Arduo, se non impossibile, rispondere.  Nemmeno i Ris di Parma ci hanno capito molto. Ci vorrebbe qualche pentito.