Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
16 Maggio 2022

Pubblicato il

Disservizi e opportunità

Al via Decreto Flussi 2022 per lavoratori extracomunitari ma il sito non funziona

di Redazione
Come negli scorsi anni il sito del Ministero dell'Interno non permette l'invio delle domande, generando disparità tra i richiedenti
Ministero dell'Interno facciata

Ieri 27/01/2022 è partito il Click day dalle ore 9:00 per trasmettere le domande per l’assunzione di lavoratori extracomunitari non stagionali, per lavoratori autonomi e per le conversioni previsto dal Decreto Flussi 2021-2022.

Come al solito si è verificato lo stesso disagio che aveva caratterizzato gli invii degli anni precedenti. Queste difficoltà, che sono non di poco per l’ottenimento o meno del nulla-osta, ci vengono segnalate da coloro che si sono prenotati per trasmettere telematicamente.

Infatti, la trasmissione che deve avvenire esclusivamente attraverso il sito del Ministero dell’Interno, Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione, alle ore 9:00 non era affatto raggiungibile il sito del ministero non permettendo, quindi un corretto invio.

Decreto Flussi, dov’è l’equità?

In tutti questi anni, nessuno ha pensato di rafforzare l’accesso telematico al portale dell’immigrazione permettendo a tutti, indistintamente di essere valutati secondo l’orario di invio.

Questo disservizio causerà certamente disparità di valutazione da parte del Ministero dell’Interno. Soprattutto per coloro che si sono visti attivo, pur dopo ripetuti e ripetuti accessi non consentiti a causa del mal funzionamento del sito ministeriale, il sito dopo le ore 9:19.

Questo sembra penalizzerà soprattutto gli utenti che abitano nelle periferie della capitale e nei paesi limitrofi, forse perché distanti dai collegamenti in rete del ministero.

Come sono stati aggiornati i software e quanto sono costati?

Noi riportiamo i fatti accaduti nella mattina del 27 gennaio. Tuttavia avevamo assistito a un simile “scempio” anche negli anni passati da quanto fu attivato il Click day.

Da allora chi ha pensato ai cittadini ed alla equità di trasmissione dei dati?

Qualcuno tra i trasmettitori di domande, in seguito potrà verificare di aver subito un torto e si vedrà, pur se aveva attivato in tempo e era pronto sin dalle ore 8:59 davanti al computer per trasmettere ed il sito, respinte le domande perché inviate in ritardo.

Alessandro Spaziani

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo