Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Dicembre 2021

Pubblicato il

Aimo, Dott. Romani: “La sanità pubblica dovrebbe essere la stessa da nord a sud”

di Redazione
"E' molto frammentata. Purtroppo in Italia esistono tante Regioni e tanti modelli di sanità"
Commissari Salute, Medico in corsia di ospedale
Commissari Salute, Medico in corsia di ospedale

"La sanità pubblica è molto frammentata. Purtroppo in Italia esistono tante Regioni e tanti modelli di sanità. Innanzitutto bisognerebbe uniformare. I cittadini italiani sono uguali e devono avere un trattamento omogeneo". Lo afferma, parlando con la Dire, Andrea Romani direttore dell'Oculistica dell'azienda sanitaria Sud Est della Toscana. Romani interviene a margine del simposio organizzato da Aimo (associazione italiana medici oculisti) al forum risk management in corso alla Fortezza da Basso a Firenze. "Purtroppo- aggiunge aprendo una riflessione sui sistemi sanitari- all'interno di ogni regione c'è un frazionamento e non tutte queste realtà poi comunicano fra loro e hanno lo stesso linguaggio".

Vuoi la tua pubblicità qui?

Per Romani sarebbe utile intervenire in ambito tecnologico, in direzione di una omogeneizzazione informatica in modo da migliorare l'efficienza dell'assistenza sanitaria in Italia: "Dovremmo incasellare le informazioni che abbiamo- sostiene e metterle, nel rispetto della privacy, a disposizione di tutti gli operatori in modo appropriato. Questo va a vantaggio del cittadino. E non dobbiamo fare distinzioni fra pubblico e privato perchè il cittadino ha bisogno di poter scegliere e deve poter scegliere". Un approccio che consentirebbe di non trascurare neppure l'altra metà della questione, ovvero la necessità di razionalizzare la spesa sanitaria: "Bisogna decidere- conferma Romani- dove facciamo certe cose, non possiamo farle a pioggia, non possiamo farle a macchia di leopardo. Dobbiamo fare dei centri qualificati che si occupino di quello che fanno ad alto livello".

Roma Centro, portiere palazzo cade nella tromba dell'ascensore e muore sul colpo

Sbarchi Ong in Italia: nessun reato per Salvini. Che non era tenuto a dire sì

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo