Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Settembre 2020

Pubblicato il

10 anni dell’associazione Foro753

di Redazione

Un video ha raccontato la storia dell'associazione dal 2003 ad oggi

“L’obiettivo che si prefigge la comunità, è la formazione di uomini nuovi. L’obiettivo che si prefigge l’associazione è la realizzazione d’uno spazio culturale metapolitico e sociale qualificato, caratterizzato da distinguo ben precisi rispetto al modello imperante edonista e materialista. L’obiettivo dello spazio Foro 753 è semplicemente avere un posto dove poter vivere i primi due traguardi che ci siamo prefissati”.
Così si legge sul sito dell’associazione Foro753 (anno della fondazione di Roma), che ieri sera ha festeggiato i primi 10 anni di attività.
10 anni dal settembre del 2003; 10 anni da via Capo d’Africa.

Siamo a Roma, e stiamo parlando del primo centro sociale di destra dell’area capitolina, che ha preso vita dall’occupazione dello stabile dell’ex casa del popolo di Via Capo d’Africa, a pochi passi dal Colosseo, in stato di abbandono dagli anni ’50 e di proprietà della Regione Lazio.
Inizialmente venne concesso ai ragazzi del Foro753 di rimanere nello stabile; qui, vennero allora realizzate numerose attività, quali teatro, palestra, sala prove musicale.
A giugno del 2005, però, l’allora presidente della Regione Marrazzo, ordinò lo sgombero dell’edificio, promettendo il riutilizzo per attività socio-culturali, non ben precisate. Tuttavia ancora oggi, l’edificio in via Capo d’Africa, è abbandonato al degrado più assoluto.
Solo nel 2006 si riuscì ad arrivare ad un accordo con il Comune di Roma, guidato allora da Walter Veltroni: al Foro753 venne consegnato lo spazio in via Beverino – ciò che ha costituito una novità assoluta nel panorama dei centri sociali di destra –, dove ancora oggi l’associazione svolge tutte le sue attività. E dove ieri sera, i ragazzi, all’urlo di “I nostri sogni hanno solide mura”, hanno tagliato il nastro del loro primo traguardo.

Vuoi la tua pubblicità qui?

I festeggiamenti sono iniziati alle 15.30, con dimostrazioni pratiche di boxe, kick boxing, MMA e viet vo dao, all’interno della palestra “Marco Aurelio Boxe” del Foro753.
Successivamente, è stato proiettato il video che ha raccontato la storia dell’Associazione, da quel settembre del 2003 ad oggi.
Alle 18, si è svolto il dibattito “Spazi sociali: passato, presente o futuro?”, cui hanno preso parte i rappresentanti di alcune occupazioni non conformi italiane e spagnole, da Casaggì a Cervantes, da Agro Romano a CasaPound, per finire con gli spagnoli di Casal Tramuntana. A moderare il dibattito, la testata online Barbadillo.it.
Prima del concerto degli Insedia, un gruppo simbolo della musica alternativa, è andato in scena uno spettacolo del “Laboratorio Teatrale 753”, ispirato ad Henry Charles Bukowski.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento