Vuoi la tua pubblicità qui?
23 Settembre 2020

Pubblicato il

Dedicato a Virginia

“Virgì, Roma nun te merita”, annamo via da sta brutta gente – così Grillo sul suo blog

di Redazione

Il fondatore del M5S pubblica sul suo blog un sonetto in romanesco dedicato al sindaco Virginia Raggi

virgì roma nun te merita
Virginia Raggi, sindaco di Roma

“Virgì, Roma nun te merita”. Lo scrive su Twitter Beppe Grillo, che pubblica sul suo blog un sonetto con questo titolo, opera di Franco Ferrari, che il fondatore del M5s ringrazia.

Virgì, Roma nun te merita…

Nel lungo sonetto, tra l’altro, si legge, “A Virgì, pijia na valigia, tu fijio, tu marito, famme un fischio, che se n’annamo via da sta gente de fogna. Lassa perde. Nun te spormonà, sta a fa un bucio de culo, puro senza rubbà, e, chi te critica quà, chi te critica là, chi c’ha er pupo sur fòco, e, jielo devi da tojie, e n’artra che se lamenta che nun je risponni, che nun la vai a sentì, che c’ha puro lei quarche cosa da lamentasse. E che cavolo! Se chiama Virginia, mica è la Madonna der Divino Amore! Quella, dice , che fà li miracoli”.

E ancora: “Ve meritate Carraro, Signorello, Darida, Veltroni, Rutelli, Alemanno ! Marino. Da che sò vivo e capiente, solo Petroselli era ben visto da tutti, ma, er Signore se lo prese de corsa, forse voleva mette a posto er paradiso.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Tutto er resto, monnezza su monnezza, de persone, o de opere, e li buffi c’hanno invaso la città. Pè questo ve dico che l’onesti dovrebbero pijà e valige, e, annassene, abbandonà sta città bella e zoccola.

Si vincheno li vecchi partiti, se’te fottuti. Nun se farà più gnente, e, si se farà quarcosa sarà pe’ volere de la magistratura. Ma voi, godete a sputà in faccia a na sindaca pulita, e testarda, una che le cose le fa. Pensatece , c’avete undici mesi de tempo, pe’ pensacce bene”.

Indignazione sui social per offese ai romani

‘Gente de fogna’. I romani, in larga parte delle periferie, che a Giugno 2016 portarono in trionfo la ‘cittadina’ Raggi in Campidoglio, sono diventati gente di fogna. Virginia era una di loro. Ora loro sono il problema. Una sprezzante capriola politica per provare a difendere l’indifendibile.

È davvero triste leggere sul blog di Beppe Grillo parole talmente offensive e di disprezzo morale per quel popolo che il M5S era nato per rappresentare contro la ‘casta’. Beppe Grillo è diventato il Marchese del Grillo nella sua considerazione del popolo.

La Sindaca Raggi dovrebbe pubblicamente scusarsi con tutti i cittadini di Roma per quanto pubblicato oggi sul sito del leader del suo partito. Per uscire di scena vi sono strade meno squallide”. Lo dichiara Stefano Fassina consigliere di SpR promotore di Roma Ventuno.

Raggi ringrazia ma precisa: Quel “gente de fogna” non mi piace

“Franco, grazie di cuore. Amo Roma con tutta me stessa: questo mi fa andare avanti insieme all’affetto di tutti voi. Gli ostacoli, i boicottaggi, gli incendi, i sabotaggi in questi anni non sono mancati.

E c’è ancora chi rema contro il cambiamento ma noi romani siamo più forti. Ps: Quel ‘gente de fogna’ non mi piace. Lo so che ti riferisci a chi ruba o incendia ma, se puoi, toglilo.

Di una cosa sono fiera, nel mio ruolo sono il sindaco di tutti i romani, soprattutto di chi mi critica“. Così Virginia Raggi, sindaca di Roma, commentando il sonetto di Franco Ferrari pubblicato da Beppe Grillo. 

(Vid/ Dire)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento