Vuoi la tua pubblicità qui?
31 Gennaio 2023

Pubblicato il

La paziente è una donna di 61 anni

Vaccino anti-Covid, tumore regredisce dopo il siero: la scoperta dagli Usa

di Mirko Ciminiello
L’annuncio di alcuni ricercatori di Houston, che ipotizzano che l’iniezione abbia stimolato la risposta del sistema immunitario: una nuova frontiera per l’immunoterapia?
Vaccino anti-Covid
Vaccino anti-Covid

Il tumore con metastasi di una donna di 61 anni ha iniziato a restringersi dopo la somministrazione del vaccino anti-Covid. Lo ha riportato un team di ricercatori dell’MD Anderson Cancer Center di Houston. Una scoperta eccezionale, che potrebbe aprire una nuova frontiera per il trattamento delle patologie oncologiche.

Vaccino anti-Covid e cancro

È stata dunque osservata negli Usa la regressione spontanea di un cancro in seguito alla profilassi con un vaccino anti-coronavirus. Lo riferisce uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Journal of ImmunoTherapy of Cancer.

Lo studio è stato condotto su una donna di 61 anni affetta da un carcinoma della parotide sinistra che aveva dato metastasi polmonari bilaterali. Vista la rapida crescita dei noduli, a inizio 2021 i medici hanno optato per una terapia sistemica all’interno di un trial clinico. Nel frattempo, tra il gennaio e il febbraio 2021 la paziente ha ricevuto le due dosi di antidoto contro il SARS-CoV-2 di Moderna.

Vaccino Moderna
Il vaccino anti-Covid di Moderna

Poi, nel marzo 2021, una TAC ha incredibilmente mostrato la riduzione del 13% dei noduli polmonari. Che si sarebbero ulteriormente contratti del 50%, 67% e 73%, rispettivamente a 3, 6 e 9 mesi dopo il richiamo.

Regressione tumorale spontanea dopo il vaccino anti-Covid
Regressione tumorale spontanea dopo il vaccino anti-Covid

Naturalmente una relazione temporale non implica che ve ne sia per forza anche una causale. Tuttavia, l’ipotesi degli scienziati è che il siero a mRNA abbia stimolato la risposta del sistema immunitario. Questo perché il gruppo americano ha rilevato l’infiltrazione nei tessuti metastatici di varie tipologie di cellule immunitarie. Tra le quali spiccano i linfociti T, che hanno un ruolo centrale sia contro la sindrome respiratoria grave da coronavirus che nella risposta anti-tumorale.

Linfocita T
Linfocita T

In effetti, il potenziamento della loro attività è una delle principali strategie nell’immunoterapia. Per la quale, come suggerisce Il Messaggero, la sinergia col vaccino contro il Covid-19 potrebbe ora aprire nuove frontiere. A quanto pare, non tutti gli effetti collaterali vengono per nuocere!

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo