Vuoi la tua pubblicità qui?
04 Dicembre 2022

Pubblicato il

Università per influencer. Comodamente a casa tua. E dopo tre anni…

di Redazione
L’iniziativa è marchiata E-Campus e nel piano di studi ci sono fior di materie tra cui la semiologia. Ma per farne cosa, all’atto pratico?

«Buongiorno. Sono il dottor (o la dottoressa) Influencer». Sembra uno scherzo e invece non lo è: l’università telematica E-Campus ha messo in piedi un corso di laurea, triennale, che si incardina sulla facoltà di Scienze della Comunicazione e che ha proprio questo specifico indirizzo: l’influencer.

A detta dell’ateneo la trovata è già un successo e stanno fioccando le richieste di iscrizione, nonostante la retta del primo anno sia di 3900 euro e a questo importo vadano aggiunte le spese di immatricolazione (250) e le tasse regionali (140). Se però ci si è diplomati con più di 90/100 si ha diritto a uno sconto di 1000 euro.

Le materie di studio, beninteso, sono serissime. E paradossalmente è proprio questo che lascia perplessi: perché finora tutto è sembrato tranne che ci fosse una preparazione teorica, nei personaggi che si sono imposti in Rete fino ad accumulare centinaia di migliaia o addirittura milioni di follower. L’intuito ovviamente sì, ma di tipo istintivo. Al pari di quello che ha portato a emergere innumerevoli figure della scena pop. O trash.

La domanda, ovvia ma necessaria, è quali siano le aspettative di chi si iscrive. Che cosa si pensa di ottenere, al termine dei tre anni? La risposta logica è che si miri ad acquisire una competenza accademica, da sfruttare poi come consulenti in questa nuova branca del marketing. L’impressione, invece, è che la logica c’entri poco e che parecchi degli iscritti abbiano in mente di provarci in prima persona, facendosi forti delle tecniche apprese e aprendo dei propri spazi su questo o quel canale social. Dove lanciarsi alla conquista di un seguito che sia il più numeroso, e remunerativo, possibile.

Se l’impressione è fondata, poveri loro. Perché si stanno illudendo. Le alchimie della popolarità mediatica non si possono ridurre a formule da replicare a piacimento. E diventare dei personaggi di vasta notorietà non è cosa che si impari sui libri. Nel bene o nel male, ci vogliono dei talenti del tutto personali. Un miscuglio di qualità, e persino di difetti, che per qualche imperscrutabile motivo va a segno su larghissima scala.

Una lezione universale, questa, che gli esperti conoscono alla perfezione: molto più sicuro vendere ad altri la teoria, che tentare di metterla in pratica.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo