16 Maggio 2021

Pubblicato il

Tribunale di Roma boccia il Campidoglio su non riconoscimento figli a coppia gay

di Redazione

"Una nazione che non riconosce il diritto a essere madre, è una nazione che calpesta i diritti civili"

coppie gay riconoscimento figli tribunale di roma campidoglio cerveteri sindaco
Coppie gay con figli

Il Tribunale civile di Roma ha accolto il ricorso presentato da una coppia omosessuale alle quali l’ufficiale di Stato Civile del comune di Roma aveva negato l’annotazione dell’atto con il quale uno dei due genitori aveva legittimamente riconosciuto una minore innanzi all’Ufficiale di Stato Civile del Comune di Cerveteri. È quanto si legge nel decreto 13649/2019 RGVG emesso dal tribunale il 4 aprile 2021

Il Sindaco di Cerveteri

Una nazione che non riconosce il diritto a essere madre, è una nazione che calpesta i diritti civili. In Italia da anni la politica volta le spalle quando deve assumersi la responsabilità di fare scelte importanti per riconoscere i diritti sacrosanti ai genitori e ai figli”. Lo afferma il sindaco di Cerveteri, Alessio Pascucci.

“Proprio per questo, come sindaco di Cerveteri, ho personalmente registrato l’atto che sancisce la maternità dell’altra donna, compiendo un gesto in linea con i nostri principi Costituzionali che la sentenza del Tribunale di Roma di fatto conferma.

Questo gesto spero che sia da esempio, soprattutto da sprone per il governo affinché nessun figlio venga lasciato senza il diritto di avere due genitori. Sono convinto che la data di oggi sarà ricordata nella lunga battaglia per i diritti civili”, conclude Pascucci.

L’Anfi

“Come associazione forense, dobbiamo ammettere che, in questo caso, la grande assente resta la politica”, commenta l’avvocato Carlo Ioppoli, presidente nazionale di ANFI.

L’Associazione Nazionale dei Familiaristi Italiani (ANFI) nasce dalla volontà e dall’impegno di un gruppo di avvocati e consulenti familiaristi che desiderano dedicare la propria attività alle problematiche familiari.

La politica, la grande assente

“ll Tribunale non deve sostituirsi al Parlamento che dovrebbe legiferare su questioni di così grande interesse e sensibilità”, sostiene il presidente ANFI. “E’ importante che vi sia un intervento parlamentare per non lasciare dei vuoti di interpretazione che possano danneggiare i minori”, conclude Ioppoli.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento