28 Settembre 2021

Pubblicato il

Tajani: “In Europa più funzionari e meno autisti e commessi”

di Redazione
Antonio Tajani, vicepresidente vicario del Parlamento europeo, probabile futuro presidente dell'Europarlamento analizza il ruolo del nostro paese
tajani sindaco roma
Antonio Tajani, vicepresidente di Forza Italia, è il primo da sinistra
L'onorevole Antonio Tajani, vicepresidente vicario del Parlamento europeo, probabile futuro presidente dell'Europarlamento, è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Roma Capitale nel corso della trasmissione di Francesco Vergovich "Roma ogni giorno". Tajani ha commentato il rapporto tra il nostro Paese e l'Europa: "manca un sistema Italia, la Merkel non può fare anche la prima ministra italiana. Invece di lamentarsi nei confronti dell'Europa, dovremmo essere più presenti a Bruxelles. L'Italia non è stata capace di contare di più. Anzi, l'Europa avrebbe bisogno di più Italia. L'Italia avrebbe dovuto mandare in Europa più funzionari e meno autisti e commessi. La Germania è il Paese che ha lavorato e continua a lavorare nel modo migliore. Anche la Gran Bretagna contava molto, poi ha commesso l'errore del Brexit".
 
"Per il ponte sullo Stretto – ha aggiunto Tajani – l'Europa farà la sua parte, ma non darà la parte maggiore dell'investimento". Sulla candidatura di Roma alle Olimpiadi, il vicepresidente vicario del Parlamento europeo ha dichiarato: "io sono sempre stato favorevole a condizione che Roma fosse in grado di avere strutture adeguate. L'impiantistica sportiva risale ormai a decenni fa. Non condivido la scelta della Raggi, ha commesso un errore non accettando la sfida di fare le Olimpiadi. I giochi olimpici sarebbero stati anche un'opportunità di crescita turistica per la Regione Lazio. Sempre se il Cio avesse scelto Roma, secondo me la favorita oggi è Los Angeles".
 
* Foto dal profilo Facebook di Antonio Tajani
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo