23 Ottobre 2021

Pubblicato il

Scacchi per giovanissimi. Alla scuola Pisacane, sfida… all’ultimo pedone

di Redazione
Appuntamento giovedì prossimo, 18 aprile. Lazio Scacchi e le associazioni Pisacane011 e Dieci Mondi insieme per un evento che punta a diffondere il gioco nelle scuole: uno strumento che educhi alla meritocrazia e all’incontro di culture differenti

Oltre 60 scacchiere, più di 120 giocatori tutti compresi tra i 6 e gli 11 anni, cinque turni di gioco per una giornata che sarà una grande festa degli scacchi: questi sono i numeri del 5° Torneo Interscolastico organizzato dalla S.S. Lazio Scacchi, divisione scacchistica della Polisportiva Lazio, e che si terrà giovedì prossimo, 18 aprile. Teatro dell’evento la scuola elementare Carlo Pisacane, dove i preparativi sono iniziati già nei giorni scorsi grazie alla collaborazione delle associazioni Dieci Mondi e Pisacane 011 (che riunisce i genitori degli scolari).

Sempre più presenti nell’offerta formativa delle scuole, gli scacchi sono da sempre considerati “lo sport della mente”, una definizione che Lazio Scacchi ha preso alla lettera portando i propri istruttori in molti istituti della Capitale. L’idea-guida è diffondere il gioco per farne anche uno strumento didattico che educhi alla meritocrazia e all’incontro di culture diverse. Una pratica che si sta affermando su vasta scala e che dà risultati eccellenti: i bambini delle elementari si appassionano al gioco e prendono gusto a riflettere accuratamente su ogni mossa, sui possibili sviluppi, su come sferrare un attacco decisivo o salvarsi da una situazione difficile.

Scacchi a scuola: il gioco aguzza l'ingegno

“È sorprendente – dice Antonio Valenzi, insegnante e consigliere di Lazio Scacchi – come un gioco così antico abbia una sovrapposizione quasi totale con lo sviluppo delle competenze richieste dal Miur. Spesso – prosegue Valenzi – si associano gli scacchi all’area logico/matematica, ma a essere coinvolte sono anche altre discipline, a partire da quella linguistica. Si pensi a quando viene chiesto agli allievi di spiegare i motivi di una mossa: occorre una puntualità di linguaggio e l’acquisizione di un vocabolario ‘tecnico’ che l’Allievo utilizza quasi inconsapevolmente, ma nel fare questo impara a padroneggiare le competenze espressive e di comprensione”.

Questo, comunque, è solo uno dei tanti esempi che si possono fare, avendo gli scacchi un campo d’applicazione scolastico praticamente illimitato.

“Siamo felici – conclude Valenzi – di aver portato questa manifestazione alla scuola Pisacane, un avamposto a Roma della scuola inclusiva e del multiculturalismo. La storia degli scacchi è talmente antica che ormai il gioco si può considerare patrimonio di tutte le culture del mondo, e per le sue logiche trasparenti, in poche discipline come gli scacchi si può dire che vince solo chi lo merita. Offrendo allo stesso tempo, a chi perde, la possibilità di ragionare sui propri errori”.

Difficile immaginare un’attività più educativa di questa.   

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo