29 Luglio 2021

Pubblicato il

San Camillo, il Pronto Soccorso è in codice rosso

di Redazione

La denuncia del sindacato NURSIND. Dati aggiornati alle 18 del 28/3

Le criticità al San Camillo non si arrestano: il Pronto Soccorso è ancora in codice rosso. 112 pazienti al PS, di cui 20 in attesa di visita e 30 in attesa di posto letto. La notizia arriva dal sindacato O.S. NURSIND.

"Nella sala emergenza codici giallo-rosso – comunica il sindacato – sostavano 8 pazienti rossi e 23 gialli, mentre ai codici verdi lungo tutto il corridoio esterno alla sala erano presenti 78 pazienti, un paziente è degente al Pronto Soccorso da 6 giorni". Tutti questi dati sono aggiornati alle ore 18.00 di oggi, 28 marzo.

Il dato più grave – se è possibile dire così – è che "nulla si sa dell' Unità di crisi presennte in Azienda ma sciolta come neve al sole appena è calata l'attenzione mediatica sul Pronto Soccorso del San Camillo. Tutti i piani anti affollamento PS che la Direzione dell'Ospedale ha tirato fuori e presentato e pubblicizzato di fronte all'opinione pubblica e alle forze sociali si sono rilevati, come era prevedibile, dei bluff serviti solo a mettere una pezza nel tentativo di coprire un buco più grande" – accusa il sindacato.

"La dirigenza – ricorda il sindacato – è oramai dimezzata poiché il Direttore Generale Dott. Morrone è oramai in scadenza di contratto e il Direttore Amministrativo è facente funzione in attesa della nuova Direzione. Anche la Regione dopo i tanti proclami è ricaduta in un immobilismo totale e, questo, si vede dai numeri che abbiamo citato".

Vuoi la tua pubblicità qui?

In merito, anche il consigliere regionale Luca Gramazio si è pronunciato, denunciando l'immobilismo della Regione: "Ecco l’ennesimo grido d’allarme sulle criticità del San Camillo, che si aggiunge alle preoccupazioni, quasi quotidiane, evidenziate da operatori e categorie. Zingaretti così non si va nessuna parte. Si annunciano tavoli, si fanno belle promesse, ma poi la Regione si dimostra immobile e inerte".

"Quest’Amministrazione – insiste Gramazio – dopo un anno, si sta dimostrando incapace di affrontare le problematiche del settore, dai Pronto Soccorso alle liste d’attesa. Si naviga a vista nonostante i cittadini paghino gli effetti di tale inadeguatezza".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento