14 Giugno 2021

Pubblicato il

Roma, Tappami: Da Comune ennesimo annuncio spot su buche

di Redazione

"Noi volontari di Tappami a nostre spese continueremo a mettere in sicurezza le buche più pericolose laddove è possibile intervenire"

"Ennesimo annuncio spot sul problema buche da parte della Raggi che ci tiene a far sapere ai romani che sono allo studio soluzioni meravigliosamente efficaci per risolvere il problema". Lo dichiara in una nota il presidente di Tappami, Cristiano Davoli. "Oggi l'attenzione è tutta sul tipo di asfalto, a detta del Comune, innovativo. Peccato che quello che il Comune chiama 'innovativo' noi lo usiamo da più di 3 anni.

Quello di oggi- prosegue Davoli- è solo l'ennesimo nuovo spot sensazionalistico che si aggiunge agli innumerevoli comunicati rilasciati in passato e caduti nel vuoto. A proposito, la macchina tappa-buche che doveva essere la soluzione al problema di Roma, che fine ha fatto? Forse è già ferma nei depositi comunali?

Con santa pazienza allora chiediamo all'assessorato lo scopo di questo annuncio. Sarà solo un altro fallimentare esperimento o si ritiene che col materiale appena propagandato si interverrà sulle migliaia di chilometri devastati dalle buche? Ed entro quando? Con quali risorse?".

"In attesa di risposte puntuali che temiamo non arriveranno, noi volontari di Tappami a nostre spese continueremo a mettere in sicurezza le buche più pericolose laddove è possibile intervenire.

Sempre in attesa, da 2 anni, che il sindaco Raggi voglia riceverci almeno per prendere in considerazione il nostro progetto di volontariato civico anti-buche che portiamo avanti dal giugno 2015 e che senza costi per le casse comunali ha permesso di chiudere migliaia di buche killer. Niente rispetto a quel che serve per la Capitale, ma tanto considerando le parole vuote del Comune di Roma che oltre ai comunicati spot è riuscito a fare ben poco", conclude Davoli. (Com/Mgn/ Dire)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento