13 Giugno 2021

Pubblicato il

Roma, Mojo Italia, Il 1° Festival del Mobile Journalism

di Redazione

Il 21, 22 e 23 settembre alla Casa del Cinema di Villa Borghese e nella sede del sindacato Stampa Romana

“È ora che i giornalisti acquisiscano gli strumenti per essere presenti nei terreni dove oggi proliferano le fake news e le pubblicità nascoste. Il futuro è adesso e non può aspettare”. Parola di Nico Piro, giornalista Rai e pioniere italiano del Mobile Journalism. È tutta qui la filosofia di MoJo Italia, primo festival del giornalismo mobile che si terrà nella Capitale il 21, 22 e 23 settembre alla Casa del Cinema di Villa Borghese e nella sede del sindacato Stampa Romana.

Seminari, concorsi, proiezioni. L’obiettivo è quello di aprire le porte della comunità italiana del giornalismo mobile a chiunque voglia scoprire le potenzialità professionali di uno strumento, lo smartphone, che ci accompagna ogni giorno. Nel Mojo è infatti l’uso degli smartphone ad essere il vero protagonista al servizio del giornalismo, per creare contenuti da distribuire in tempo reale e su più piattaforme.

“Il nostro è un festival della condivisione e del fare – sostiene Nico Piro – Non celebriamo nulla, proviamo solo a dare un contributo di cambiamento. Nei nostri seminari, i migliori esperti italiani del settore mettono a disposizione di giornalisti, videomaker, comunicatori gli strumenti chiave della nuova comunicazione. È la più grande operazione di aggiornamento professionale che si ricordi negli ultimi anni, autoprodotta e gratuita”.

“Con il Mojo Festival rilanciamo il lavoro sulla formazione professionale continua, e sui nuovi strumenti digitali, uno dei fiori all’occhiello di Stampa Romana – sottolinea il segretario Lazzaro Pappagallo – Roma diventa protagonista e perno di un rilancio industriale del settore”. Nel corso dei tre giorni di festival saranno premiati la migliore creazione realizzata con la smartphone in Italia e la migliore creazione realizzata all’estero.

Lo scopo è portate alla luce talenti e mostrare le potenzialità degli smartphone. Un nuovo modo di pensare, che vede l’Italia anche se in posizione di rincorsa rispetto ad altre realtà mondiali, comunque tra i primi Paesi europei a dare forma a questa idea, ormai sempre più una missione.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento