13 Aprile 2021

Pubblicato il

Roma, Ignazio Marino dice sì a ius soli: “Ipotesi registro”

di Redazione

"Lo ius sanguinis deve essere superato dallo ius soli" afferma Ignazio Marino

Roma ha 10 nuovi ambasciatori di cittadinanza: in occasione dell’XI settimana di azione contro il razzismo promossa dall’UNAR, e in particolare nella Giornata internazionale per l’eliminazione della discriminazione razziale, il sindaco di Roma Ignazio Marino, l’assessore alle Politiche Sociali Francesca Danese e quello alla Scuola e allo Sport Paolo Masini, hanno incontrato 10 ragazze e ragazzi dei centri interculturali di Roma. Tutti loro sono nati in Italia ma da genitori stranieri.

Proprio dai ragazzi dei centri interculturali di Roma Capitale, al sindaco Marino è stata recapitata una lettera, nella quale si legge: ‘Noi non vogliamo dare un dispiacere ai nostri genitori, non vogliamo non essere più cingalesi, etiopi, rumeni, solo che vogliamo pure essere romani, perché quando andiamo a trovare i nostri parenti lontani stiamo bene, ma dopo un po’, finite le vacanze, desideriamo tornare a casa, a Roma’. “Mi hanno scritto una lettera molto significativa sull’essere romani e ho voluto rispondere personalmente”, scrive sul suo sito il sindaco Marino.

Per questo, ai 10 ragazzi sono stati consegnati gli attestati di ‘ambasciatori di cittadinanza’: “un modo per affermare con forza che ciò che conta non è il colore della pelle o la religione, ma il fatto che siamo tutti uguali e tutti dobbiamo avere le stesse opportunità”, spiega il sindaco Marino, secondo cui “chiunque nasce in Italia è Italiano. Lo ius sanguinis deve essere superato dallo ius soli”.

È questa la novità più significativa: Marino apre allo ius soli. “Sono sicuro che nel nostro Paese la legge cambierà – scrive ancora il primo cittadino –  Ma in attesa di questo, Roma cercherà di essere una spinta, un pungolo per il Parlamento affinché il diritto di cittadinanza per chi nasce in Italia venga riconosciuto per legge”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento