01 Agosto 2021

Pubblicato il

Roma. Camerieri di giorno, spacciatori di notte: 4 arresti

di Redazione

Terminato il lavoro di camerieri, i pusher proponevano ai loro clienti dei locali di Testaccio un menù a base di marijuana e hashish

Di giorno lavoravano come camerieri in un ristorante del Centro storico, di notte facevano “affari” insieme spacciando droga. Quattro ragazzi – due romani, un pugliese e un cittadino moldavo – di età compresa tra i 21 e i 29 anni, sono stati arrestati la scorsa notte dai Carabinieri della Stazione Roma Aventino nell’ambito dei servizi di controllo alla movida capitolina.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dismessi gli abiti da lavoro, gli insospettabili pusher continuavano a soddisfare ordinazioni di ben altro tipo: un menù, quello proposto ai loro clienti dei locali di Testaccio, a base di marijuana e hashish. Ad interrompere i loro ‘straordinari’ sono stati i Carabinieri che li hanno sorpresi nel bel mezzo di una contrattazione per definire il prezzo della cessione di alcune dosi con un giovane acquirente.

Le successive perquisizioni scattate nelle rispettive abitazioni hanno consentito di sequestrare alcuni strumenti per la produzione di marijuana fai-da-te, quali semi e fertilizzanti specifici, nonché numerose piante alte più di un metro – e dal peso anche di un chilogrammo ognuna – a fioritura completata, dalle quali erano in grado poter ricavare le dosi da immettere sul mercato.

Il loro giro di affari era evidentemente più lauto di stipendi e mance che raggranellavano nel ristorante, come testimonia la somma di denaro rinvenuta nelle loro mani al momento del fermo, che, a notte ancora da concludersi, già si aggirava sui 500 euro.
I camerieri-pusher sono stati trattenuti in caserma in attesa di essere sottoposti al rito direttissimo, durante cui saranno chiamati a rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento