30 Luglio 2021

Pubblicato il

Rifiuti, Raggi: Non stiamo con le mani in mano, ecco che stiamo facendo

di Redazione

"Stiamo lavorando da tempo e senza sosta per superare e trovare una soluzione ai tanti problemi che ci sono"

"Voglio raccontarvi con un po' di dati ciò che stiamo facendo per affrontare le criticità nella raccolta dei rifiuti. Insomma non stiamo con le mani in mano come qualcuno vorrebbe far credere. Anzi, stiamo lavorando da tempo e senza sosta per superare e trovare una soluzione ai tanti problemi che ci sono". Lo ha scritto la sindaca di Roma, Virginia Raggi, in un post su Facebook in cui ha ricordato: "In queste ultime settimane Ama ha organizzato squadre speciali per potenziare la raccolta della differenziata e per pulire e sanificare i cassonetti.

Finora sono stati puliti più di 55mila cassonetti. E continueremo a farlo in tutta la città. Ama sta recuperando circa 15 giorni di stop tra la fine di maggio e l'inizio di giugno determinati dalla mancanza di siti dove portare i rifiuti a smaltire". E ancora: "Una delle accuse che ci vengono rivolte è: non eravate preparati al fatto che gli impianti di Malagrotta sarebbero andati in manutenzione e quindi avrebbero accolto meno rifiuti.

Falso! Ci siamo mossi molto prima e tempestivamente per trovare soluzioni alternative, coinvolgendo tutti gli attori coinvolti. Abbiamo chiesto ad aprile scorso la convocazione di un vertice in Prefettura nel quale Ama ha chiesto che le 500 tonnellate al giorno di rifiuti – che non sarebbero più potute essere trattate nei Tmb di Malagrotta per lavori di manutenzione – fossero ridistribuite".

Per questo "abbiamo riconvocato il tavolo in Campidoglio dove si è trovata una soluzione con tanto di indicazioni regionali per la ridistribuzione dei rifiuti in altri impianti sostitutivi. I ritardi poi ci sono stati perché un privato, Colari, ha tenuto le quote di riassegnazione per 10 giorni e non ha liberato i flussi.

Tradotto: per chi non ha rispettato gli accordi e i patti presi 35mila cassonetti non svuotati a giugno. Un disagio di cui stiamo pagando le conseguenze ancora oggi. Da oltre 10 giorni il ciclo è ripartito: l'impianto di S. Vittore, liberatosi definitivamente dai conferimenti da parte di Malagrotta, ha iniziato a ricevere i rifiuti da AMA e da altri fornitori che, quindi, stanno lavorando ben oltre i ritmi ordinari per recuperare il fermo di circa 15 giorni. 

"Al di là delle responsabilità per il piano rifiuti regionale – prosegue Raggi – che manca dal 2013, o delle recriminazioni legate al fatto, innegabile, che AMA non ha attualmente altri impianti se non il TMB di Rocca Cencia e il tritovagliatore di Ostia, adesso è il momento di trovare soluzioni. E noi, Roma Capitale e AMA, ce la stiamo mettendo tutta per reperire spazi e capienze e non far subire ai romani le conseguenze di un sistema impiantistico fragile che rischia di andare in crisi per ogni evento (ordinario o straordinario) che inevitabilmente può verificarsi lungo il percorso".

Vuoi la tua pubblicità qui?

Per la sindaca "non è questo il momento di parlare delle soluzioni di medio e lungo termine per migliorare il ciclo dei rifiuti di Roma e del Lazio, non è questo il momento delle accuse a chi doveva fare e non ha fatto. Questo è il momento di lavorare insieme per superare una difficoltà e ripulire la città. Siamo in contatto con le Asl per concordare gli interventi prioritari, in un contesto che, come ribadito dalla Asl RM1 e dal Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, non è emergenziale.

Questo è quello che realmente stiamo facendo stiamo portando avanti un piano di pulizia straordinario stilato con il nuovo CdA di Ama che ha già portato i primi importanti risultati. E nel frattempo abbiamo lavorato sul nuovo contratto di servizio di Ama. Un documento che, lo ricordiamo, prevede anche sanzioni ai dirigenti qualora il servizio di raccolta e pulizia non venga effettuato a regola d'arte". (Com/Enu/Dire) 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento