25 Febbraio 2021

Pubblicato il

Nuovi approcci pastorali: cattolici in allarme

di Redazione

“No alla comunione sacramentale ai cattolici divorziati e risposati”

Nei giorni del Sinodo generale del 2015, dedicato alla famiglia e meta di un percorso che dal 2014 vede coinvolte e interpellate tutte le componenti ecclesiali e non solo, sono molte le questioni che spaventano il mondo cattolico. Per questo, oggi, la Madonna di Fatima ha sfilato sotto al porticato di piazza San Pietro, portata a braccia da alcuni fedeli e membri della omonima onlus (Associazione Madonna di Fatima onlus, ndr).

Vuoi la tua pubblicità qui?

Durante la marcia, “a difesa del matrimonio, della famiglia e dell’Eucarestia”, il gruppo di devoti ha ribadito la sua contrarietà ai nuovi approcci pastorali, discussi dal concilio ecclesiastico in queste ore, che andrebbero ad intaccare alcuni aspetti della legge morale cattolica. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

A spaventare di più i manifestanti, tra le proposte esaminate dall’assemblea sinodale, c’è quella del Cardinale Walter Kasper, in merito ad un nuovo approccio pastorale nei confronti dei cattolici divorziati e risposati che, in buona sostanza, mira a permettere a questi ultimi, dopo un periodo di penitenza, di esser riammessi alla comunione sacramentale.

La proposta di Kasper e dei suoi simpatizzanti, già avanzata in occasione del precedente Sinodo, è nel mirino di molti fedeli perché, dicono, comporta un cambiamento dottrinale, alieno alla disciplina bi-millenaria della Chiesa. “Nemmeno il Papa” – avvisano dalla piazza – “ha l’autorità per operare un cambiamento simile poiché, anch’egli, è vincolato ad insegnare e praticare ciò che la Chiesa ha sempre insegnato e praticato nei suoi duemila anni di storia”.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Per dirla con le parole di Suor Lucia di Fatima, si tratterebbe di “disorientamento diabolico”.
 
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento