12 Maggio 2021

Pubblicato il

Morto Luca Sacchi, il 24enne fidanzato della ragazza scippata. I messaggi su Fb

di Redazione

Secondo la ricostruzione della fidanzata, Luca sarebbe stato colpito alle spalle dal complice del suo aggressore

Finisce in tragedia l'aggressione che nella tarda serata di martedì 23 Ottobre ha cambiato per sempre la vita di Luca Sacchi e della sua ragazza. Erano appena usciti da un pub, in zona Colli Albani, Parco della Caffarella, quando Anastasia, la fidanzata di Luca è stata strattonata da dietro le spalle da un uomo, accompagnato da un complice, che le intimava di lasciare la borsa (uno zaino). La ragazza stava per dargliela ma improvvisamente veniva colpita alla testa da una mazza. L'azione è stata fulminea, Luca è intervenuto per difenderla dall'aggressore e alle spalle il complice gli ha sparato alla testa. I criminali, sembra due italiani, scappano a bordo di una Smart nella versione di Anastasia, a piedi secondo alcuni testimoni. Al momento non sono ancora stati trovati. 

Il cordoglio, il dolore, espresso anche da Virginia Raggi a nome della Città intera, viene scritto anche con le parole degli amici e conoscenti di Luca Sacchi sulla sua pagina Facebook:

Enrico: Addio Luchè. È stato un piacere e un onore conoscerti. E come ci si poteva aspettare da te… hai lottato fino alla fine. SEI UN EROE. Ora potrai guardarci e aiutarci a tutti noi da là sù. Soprattutto ai tuoi genitori. Rimarrai sempre nei nostri ricordi ma ancor più importante nei nostri cuori come la grande persona che eri… ancora non ci credo… Riposa in pace Luchè.

Raffaele:  sto letteralmente piangendo. Non si può. Gaetano: Pure io me sta consola mi nonna. Sonia: Mi dispiace tanto, maledetti infami, spero abbiano ciò che meritano. Massimo: Lo schifo dell'uomo è senza controllo gli animali esseri che ci insegnano a vivere in questo mondo diventano vecchio e sporco… Luca nei nostri cuori, condoglianze alla famiglia. Luis: Non ti conoscevo… ma una cosa ieri notte ci ha fatto condividere un posto per tanti maledetti… L'ospedale… Ero con la mia moglie al pronto soccorso al San Giovanni…abbiamo finito di fare una Tac poi hanno detto che doveva essere libero tutto perché arrivava una persona con un disparo….eri te, mi dispiace. R. I. P. Michela: Non ti conoscevo, ma essendo del quartiere mi ha sconvolto tantissimo questa notizia, più di quanto si potrebbe credere.. non si può morire a 25 anni così, auguro tutto in medicine a chi ha commesso questa atrocità! R.I.P Mi dispiace da morire. Alessandra: Condoglianze…non se lo meritava era una bravissima persona… bravissimo nel suo lavoro….ti ho conosciuto in palestra dove mi hai aiutato con la tua professionalità…condoglianze alla famiglia e alla tua ragazza…riposa in pace. Giada: alla Famiglia nessuno Riporterà mai più indietro questa Meraviglia di Ragazzo… Ma la GIUSTIZIA MANNAGGIA … QUELLA LA PRETENDIAMO TUTTI… KE VENISSERO ELIMINATI DALLA FACCIA DELLA TERRA I COLPEVOLI.

*Foto dal profilo Facebook di Luca Sacchi

“Mafia capitale”. Ergastolo ostativo. Pessimi segnali nella lotta al crimine

Roma, terrore alla stazione Termini: cinese accoltellato alla gola. E' grave

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento