18 Settembre 2021

Pubblicato il

Licenziati 5 ispettori: suonarono alle nozze tra Tina Rispoli e Tony Colombo

di Redazione
È responsabile trattare come divi coloro che sono implicati con sistemi criminali che devastano l'Italia?

Cinque agenti appartenenti alla banda musicale della Polizia Penitenziaria di Napoli, sono stati licenziati per aver suonato al matrimonio tra il cantante Tony Colombo e Tina Rispoli, vedova del boss della camorra Gaetano Marino. La motivazione sta in un forte danno d'immagine, ma soprattutto in un danmno sostanziale inerente alla compromissione del rapporto di fiducia con il Corpo della Penitenziaria. La notizia è arrivata dopo ben dieci mesi dall'esibizione musicale dei cinque trombettisti. Gli ispettori però, erano stati immediatamente sospesi, non appena verificate le immagini che li ritraevano al matrimonio.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ai festeggiamenti delle nozze, il 28 marzo 2019, celebri per il loro stile ultra trash, erano presenti numerosi esponenti della criminalità organizzata; il sodalizio ha infatti sancito un nuovo significato nell sistema di alleanze di stampo mafioso tra Scissionisti e Di Lauro (spiega anche il giornalista Saviano) . Il matrimonio, per il quale venne bloccata una piazza e chiuse le strade per un concerto non autorizzato, venne amplificato mediaticamente, a livello nazionale, per via della trasmissione di Barbara D'Urso

Domenica 19 gennaio la coppia è intervenuta nella trasmissione di La7 condotta da Massimo Giletti, "Non è l'Arena" e hanno dato la loro risposta all'inchiesta "Camorra Entertainment". La donna ha sostenuto di non essere al corrente di essere stata sposata con un camorrista e dei milioni di euro frutto del suo traffico di droga. Il boss Gaetano Marino è autore della mattanza di 100 persone.

Ma siamo davvero sicuri che il diritto alla difesa e alla parola debba svolgersi in televisione? e che soggetti che sono o sono stati, coinvolti in crimini di tale gravità, debbano avere questa risonanza mediatica e popolare? In che modo è giusto informare ma non trattare come divi coloro che sono a vario modo implicati con sistemi criminali che devastano l'Italia? 

 

Leggi anche:

I giornali sono sempre più in crisi, cresce solo Avvenire, ecco perché…

Roma. Scuola, Raggi: nuovo servizio mense grande traguardo, vani gli allarmismi

 

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo