Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
17 Maggio 2022

Pubblicato il

Allarmi(smo) da Oltreoceano

La Russia può privare il mondo di Internet? E sarebbe per forza un male?

di Mirko Ciminiello
Gli Usa temono che Mosca attacchi infrastrutture come i cavi sottomarini da cui dipende il Web. È improbabile, comunque l’uomo ne ha fatto a meno per migliaia di anni…
Sottomarino, Russia
La Russia potrebbe usare i sottomarini per distruggere i cavi da cui dipende Internet

E ora c’è anche il timore che la Russia possa privare il mondo intero di Internet. Uno spettro agitato dagli Stati Uniti, secondo cui questa potrebbe essere la vendetta di Mosca per le sanzioni internazionali legate alla guerra in Ucraina. Uno scenario in realtà poco probabile, e che in fondo potrebbe non essere nemmeno così catastrofico.

Sottomarino, Russia
Sottomarino

Internet nel mirino della Russia?

Qualche giorno fa, la Casa Bianca ha rilasciato una dichiarazione sulla cybersicurezza in cui, tra l’altro, evocava possibili «attacchi informatici contro infrastrutture critiche». Attacchi che, manco a dirlo, proverrebbero dalla Russia, come risposta alle misure punitive adottate dalla comunità internazionale dopo lo scoppio del conflitto con l’Ucraina. Accuse già smentite categoricamente dal portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov che, come riporta la Reuters, ha affermato che Mosca «non si dedica al banditismo di Stato».

Dmitrij Peskov
Dmitrij Peskov

Allarmi(smo) a parte, stavolta accanto all’ancestrale spauracchio degli hacker ci sarebbe anche, come riferisce France24, una minaccia diretta alla connettività globale. Nel mirino sarebbero infatti finiti gli oltre 430 cavi sottomarini da cui dipende Internet che, come accadde col telegrafo nella Seconda Guerra Mondiale, potrebbero diventare obiettivi prioritari.

Uno scenario poco probabile

In realtà, vari esperti hanno spiegato alla stessa emittente transalpina che la prospettiva di uno spegnimento planetario della Rete non è molto realistica. Sia perché bisognerebbe conoscere esattamente il posizionamento di ogni singolo cavo, sia perché andrebbe impiegato simultaneamente un grande numero di navi e sommergibili. Senza contare che, verosimilmente, un’azione di questo tipo danneggerebbe molto più la popolazione civile che le comunicazioni militari o istituzionali, che potrebbero essere dirottate sui satelliti.

Ma se anche questa operazione andasse in porto, sarebbe per forza un male? In fondo il Web è un’invenzione estremamente recente, essendo nato solamente il 6 agosto del 1991. Vale a dire che, generazioni digitali a parte, l’uomo ha fatto a meno della Grande Ragnatela intorno al Mondo per centinaia di migliaia di anni.

Internet fuori uso, Russia
Internet fuori uso

Per non parlare del fatto che, con Internet fuori uso, ci verrebbero risparmiati i tuttologi da social (e non solo). Il diavolo, in fondo, potrebbe davvero non essere così brutto come lo si dipinge.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo