21 Giugno 2021

Pubblicato il

L’ultimo paradiso: il “Baubeach” per cani liberi a Maccarese

di Redazione

Claudia Candido mise piede per la prima volta sulle isole Galapagos e a Baubeach nello stesso anno, il 2001

Da sabato 30 maggio e per tutta l’estate al Baubeach, la spiaggia per cani liberi e felici di Maccarese l'emozione della condivisione. L'ultimo paradiso, installazioni permanenti con stampe in grandi dimensioni di scatti fotografici di Claudia Candido , commentati da stralci di testi dallo studio di Etologia Relazionale di Patrizia Daffinà.

Le Galapagos rappresentano il sogno dell’ultimo paradiso. Le “isole di Darwin”, meta ambita e agognata dagli appassionati di natura di tutto il mondo, sono un arcipelago affascinante, estremamente suggestivo e allo stesso tempo fragilissimo. Protagoniste di una storia del tutto slegata dal resto del continente, grazie all’isolamento sono state al riparo dall’uomo e hanno avuto il ruolo di culla dell’evoluzione di specie uniche al mondo. 

Ancora oggi le isole conservano spazi incontaminati e selvaggi, dove gli animali, privi di predatori naturali, hanno mantenuto una confidenza rara sia tra specie diverse, sia nei confronti dell’essere umano, con cui interagiscono senza paura.

La coincidenza ha voluto che la ​fotografa naturalista Claudia Candido mise piede per la prima volta sulle isole Galapagos e a Baubeach nello stesso anno, il 2001. Fu così che percepì un’analogia tra questi due micromondi marini separati dall’oceano… Se le Galapagos esistono ancora come “culla dell’evoluzione” e se riusciranno a superare la sfida di continuare a esistere, è perché ci sono persone in tutto il mondo che lottano per proteggere l’arcipelago.

Baubeach è l’unico e il primo angolo in Italia dove tanti cani e tanti esseri umani, accomunati dal semplice amore l’uno verso l’altro,  senza nessuna discriminazione,  arrivano per condividere un pezzetto delle rispettive vite.  Ogni estate, anno dopo anno.

Se Baubeach risorge ogni volta dopo l’inverno, è perché qualcuno lo ha desiderato e sognato, perché anno dopo anno qualcuno crede ancora in questo piccolo angolo di pace, perché qualcuno lavora e mette energia perché si possa condividere ancora, cani e umani, un piccolo lenzuolo di spiaggia.

Tutto questo non è scontato. Se finissero il sogno e l’impegno le Oasi di rispetto e condivisione potrebbero non esserci più. Perché i Luoghi Unici esistono se qualcuno si preoccupa di conservare il loro cuore. L'installazione è propedeutica allo Slideshow sulle Galapagos che verrà realizzato al Baubech sabato 4 luglio prossimo. Entrambe le giornate saranno occasione per un Aperivegan alle ore 18. 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento