Vuoi la tua pubblicità qui?
29 Settembre 2020

Pubblicato il

Infermiera violentata a Napoli, De Lieto: “Castrazione con il bisturi”

di Redazione

Ancora un caso di brutale, vile e vigliacca violenza sessuale, questa volta ai danni di una infermiera di Napoli, impegnata contro il COVID-19

Arco di Travertino, Polizia interviene durante una festa
Arco di Travertino, Polizia interviene durante una festa

Infermiera violentata con ferocia. Ancora un caso di brutale, vile e vigliacca violenza sessuale, questa volta ai danni di una infermiera di Napoli, impegnata contro il COVID-19, mentre aspettava l’autobus per Avellino nel parcheggio della Metropark. L’uomo che ha perpetrato il brutale atto ha agito nel pomeriggio di domenica scorsa. Il presunto colpevole è di nazionalità straniera ed è stato assicurato alla Giustizia. “Tanti stranieri – ha dichiarato il Segretario Generale del Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.), Antonio de Lieto – invece che ringraziare l’Italia e la sua gente, scambiano il nostro territorio nazionale, per “zona franca. Arrivano in Italia e rubano, violentano e commettono impunemente, ogni sorta di violenza.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Infermiera violentata: “Castrazione con il bisturi”

“Troppo garantismo, diventa, troppe volte, permissivismo. Chi si rende responsabile  di atti di violenza sessuale, così raccapriccianti e brutali, merita la castrazione, ma non quella chimica, peraltro reversibile, ma quella praticata con il bisturi e, siccome siamo un Paese civile, è necessaria una Legge che preveda questo provvedimento. E c’è da augurarsi – ha continuato de Lieto –  che il nostro Paese abbia il coraggio di introdurre un provvedimento che farà rimanere perplessi molti benpensanti. Il Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.) – ha concluso  de Lieto – ritiene  che nessuno potrà mai ripagare  chi subisce  la violenza di bestie travestiti da uomini, sul proprio corpo, con lo sconquassamento della propria anima”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento