23 Ottobre 2021

Pubblicato il

Ancora dubbi

Il Green Pass demolito da uno studio dello Spallanzani di Roma

di Anna Mirabile
Se i vaccinati possono infettarsi e infettare a cosa serve una terapia genica poco sicura e l'uso del Green Pass come certificato di salute?
Ospedale Spallanzani, ingresso
Ospedale Spallanzani, ingresso

Che il Green pass fosse uno strumento vessatorio di nessuna utilità scientifica era noto a tutti, ma che ad avvalorarlo ci pensasse proprio uno studio dell’Istituto Spallanzani di Roma, in una ricerca finanziata dallo stesso Ministero della Salute, è clamoroso. L’ennesimo autogol di un Ministro senza speranza.

Lo studio allo Spallanzani

Biologi, immunologi e virologi dell’Istituto romano per le Malattie infettive, di cui risulta coautore il Dottor Giuseppe Ippolito, Direttore Scientifico della rinomata struttura e dal primo di settembre nuovo Direttore Generale della Ricerca e dell’innovazione in Sanità del Ministero della Salute, hanno completato l’analisi di dati che stigmatizzano l’inutilità e il danno del passaporto sanitario.

La ricerca dimostra che la carica virale nelle narici dei vaccinati è molto alta perché, spesso, malgrado le due dosi, non sono immunizzati. Essi sono dunque parte attiva della catena infettiva. Pertanto il Green Pass premia chi si è prestato alla sperimentazione, ma non garantisce zone covid free. Il siero non conferisce immunità sterilizzante, fatto che desta più di una preoccupazione. Ragione per cui le raccomandazioni sul distanziamento, le mascherine e l’igiene non possono venire meno.

Nessuna garanzia di immunità

Lo studio realizzato in una ricerca su soggetti vaccinati e su 94 infezioni registrate nel Lazio nel primo trimestre 2021, di cui il 47,9 sintomatiche e il 52, 1 asintomatiche, dimostra che il lasciapassare fa circolare individui infetti. L’accanimento sul Green pass non ci protegge, anzi ci espone agli effetti avversi di un siero, scelto, in alcuni casi, sotto ricatto, incapace di proteggere noi stessi e gli altri. Una ricerca boomerang che la dice lunga sull’opacità e i segreti del Dicastero della Salute che dovrebbe essere una casa di vetro in grado di tutelare attraverso la trasparenza la salute pubblica.

Tutte le nazioni indietreggiano, bocciando di fatto un’iniziativa anticostituzionale che non preserva l’ incolumità di nessuno, ma il governo italiano invece tira dritto. Se i vaccinati possono infettarsi e infettare a cosa serve allora una terapia poco sicura? Ci chiediamo inoltre come mai i vaccini tradizionali, proteici, come Silopharm o Novavax, non arrivino sul mercato europeo.

L’etica dei medici

E perché si voglia inoculare il vaccino ai guariti dal coronavirus, gli unici dotati di un’immunità naturale di lunghissima, forse eterna, durata. Tanti gli interrogativi senza risposta. E una valanga di crudeltà da parte dei medici vaccinatori nel non voler esentare i soggetti a rischio dall’iniezione. Dov’ è finita l’etica dei medici? Sono anch’essi sotto ricatto? Una operazione voluta in nome di un Grande Reset come insinuano in molti?

Intanto la tv, complice di un imperdonabile silenzio, comincia a scricchiolare sotto i colpi di scure d’ inaspettate dichiarazioni che la fanno tremare. Come quella dell’ex Ministro Roberto Castelli su La7 nel programma ‘Tagadà’. Sua moglie, che ha avuto il Covid, è in perfetta salute, mentre lui , vaccinato da due mesi, ha febbre alta e il valore del D-dimero alle stelle. Dato che lo costringe a entrare e uscire dall’ospedale in quanto, oggi, soggetto a rischio, esposto ai trombi.

Su Raitre le cose non vanno meglio. Alberto Contri, docente di Comunicazione sociale e per anni Presidente della Fondazione Pubblicità Progresso, ad ‘’Agorà’’ sconvolge una balbettante Luisella Costamagna, scoperchiando un anno e mezzo di balle vergognose sul Covid, i sieri e il green pass, ormai divenuto black e viscoso come la pece.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo