Vuoi la tua pubblicità qui?
06 Dicembre 2021

Pubblicato il

I tunisini di Roma protestano contro il terrorismo FOTO E VI

di Redazione
Sabato in piazza della Repubblica la comunità tunisina romana si è riunita per manifestare contro l'attentato di Tunisi

Je suis Bardo, parola della comunità tunisina romana che sabato pomeriggio, in piazza della Repubblica a Roma, dopo i fatti di Tunisi si è riunita per prendere le distanze dal terrorismo. Dalla piazza romana i manifestanti hanno espresso solidarietà alle vittime dell'attentato terroristico al museo Bardo di Tunisi, nei pressi del Parlamento, che è costato la vita a 4 italiani. 
 
Il messaggio della comunità tunisina è un messaggio di pace e tolleranza, molti dei presenti sono nel nostro Paese da anni e non hanno mai avuto problemi di integrazione, anche loro si sentono vittime di questa strage che, da musulmani, condannano e che  “ha messo in cattiva luce la Tunisia, un Paese sicuro, e potrebbe danneggiare i rapporti con l'Italia”, dicono.  “Vogliamo chiedere agli italiani di andare in Tunisia, di essere solidali col nostro popolo e che capiscano che noi con il terrorismo non c'entriamo”, dichiara una tunisina dal sit-in, “sono Italia da 14 anni”, ha aggiunto.
 
Parole simili le aveva già espresse il presidente della Repubblica tunisina Beji Caid Essebsi, apparse su Il Fatto Quotidiano. “Il terrorismo non è una questione tunisina ma anche europea” e “coinvolge certamente anche i francesi e gli italiani”: “Non è tramite dei mezzi di polizia o di sicurezza che vinceremo la battaglia contro il terrorismo” ma “serve una politica d’avanguardia”. “L’Occidente – ha aggiunto – ha paura dell’islam per ignoranza, perché non conoscono il vero islam. I tunisini sono dei buoni musulmani”, ha proseguito Essebsi. “I movimenti islamisti non sono movimenti religiosi ma politici, che strumentalizzano la religione per arrivare al potere”, ha affermato. “Il popolo tunisino è musulmano ma è molto tollerante. Io chiedo solo di essere musulmani e non islamisti”.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo