Vuoi la tua pubblicità qui?
30 Novembre 2021

Pubblicato il

Gravissimo incidente sulla Cassia bis, un morto e 6 feriti

di Redazione
La vittima è un 44enne di Caprarola residente a Roma. In coma la compagna e la figlia 17enne. Altri 3 feriti gravi

Un vero e proprio disastro quanto avvenuto intorno alle 18 di ieri sulla Cassia bis, poco prima della galleria situata nella zona delle Rughe, nelle vicinanze dello svincolo dell'ospedale Sant'Andrea, direzione Viterbo. Un gravissimo incidente, che ha coinvolto sei automobili e una moto, ha provocato la morte di una persona e il ferimento di altre 6, di cui 5 sono in gravi condizioni.

Non sono ancora del tutto chiare le cause dello spaventoso sinistro. Il Messaggero riferisce che si sia trattato di una tragica fatalità: "Una delle vetture coinvolte infatti ha saltato la corsia proprio nell'unico breve tratto sprovvisto della barriera spartitraffico provocando il frontale con quella che sopraggiungeva in senso opposto e il maxi tamponamento che ne è seguito".

Vuoi la tua pubblicità qui?

La certezza, purtroppo, è che a riportare le conseguenze peggiori è stato un 44enne residente a Roma ma originario di Caprarola, che è deceduto. Insieme a lui viaggiavano la compagna e la figlia di appena 17 anni, entrambi in coma al Policilinico Gemelli. Altre 3 persone sono state ricoverate in codice rosso agli ospedali San Camillo, Sant'Andrea e lo stesso Policlinico Gemelli. C'è anche un altro ferito meno grave, ma comunque in codice giallo.

Sul luogo del disastro sono intervenute due eliambulanze, giunte da Roma e Viterbo, coadiuvate da un altro elicottero inviato dai Vigili del Fuoco. I sanitari del 118 e i pompieri sono intervenuti anche con i mezzi tradizionali per prestare il primo soccorso ed estrarre le persone coinvolte nello schianto dalle lamiere. Inevitabili le lunghe code, formatesi sulla Cassia bis nei minuti successivi a questa tragedia.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo