13 Aprile 2021

Pubblicato il

Giuseppe Giannini indagato per frode sportiva

di Redazione

L'ex mister del Gallipoli avrebbe, insieme al DS Dimitri, comprato alcuni calciatori per salire in B

La promozione in serie B era un risultato da ottenere a tutti i costi e così, alla vigilia dell'ultima gara di campionato contro il Real Marcianise, Salvatore e Ivano Righi, Giuseppe Giannini e Luigi Dimitri – questi ultimi rispettivamente allenatore e direttore sportivo del Gallipoli calcio – si accordarono per consegnare la somma di 50mila euro a calciatori del Real Marcianise, tra cui Michele Murolo, Massimo Russo ed altri non identificati.

Una somma necessaria al fine di perseguire, attraverso l'illecito, la promozione in serie B che in effetti ci fu con il decisivo l'incontro vinto 3 a 2 dal Gallipoli.
Queste le conclusioni a cui sono arrivati gli inquirenti. L'indagine ha portato all'arresto di 90 persone accusate di far parte del clan Contini.
Tutti i soggetti coinvolti nella vicenda sono indagati per il reato di frode sportiva con l'aggravante della finalità mafiosa.

L'ex DS del Gallipoli Gino Dimitri cade dalle nuvole: "Resto stupito per il coinvolgimento in una vicenda alla quale sono assolutamente estraneo. Ho conferito mandato all’avvocato Stefano Chiriatti per tutelare nelle sedi competenti la mia immagine".
Non vuole credere a quanto sarebbe accaduto anche il presidente del Gallipoli Vincenzo Barba: "Conosco Giannini e Dimitri, che mai si sarebbero macchiati di una colpa tanto grave. Il Gallipoli fu protagonista di una cavalcata straordinaria e nell’ultima giornata la partita contro il Real Marcianise, giocata dinanzi a un pubblico capace di vincere da solo la sfida, fu il naturale epilogo di un torneo consumato nel segno dello spettacolo".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento