Vuoi la tua pubblicità qui?
05 Dicembre 2022

Pubblicato il

Illusi d’Italia

Energia, dovremmo imitare la Germania, altro che criticarla!

di Mirko Ciminiello
Berlino vara un bazooka da 200 miliardi contro i rincari di elettricità e gas: invece Draghi e Meloni continuano a confidare nell’Europa, che però delude ancora le aspettative
Caro energia
Caro energia

La Germania ha annunciato un “bazooka” da 200 miliardi per proteggere famiglie e imprese dai rincari dell’energia. Una mossa a sorpresa che è stata fortemente criticata dalle istituzioni italiane, che continuano piuttosto ad auspicare un comune euro-intervento. Ma che invece, alla luce della persistente inazione di Bruxelles, farebbero meglio a prendere esempio dal Governo tedesco.

Caro energia
Caro energia

Il piano tedesco sull’energia

Uno «scudo difensivo contro la guerra energetica» del valore di circa 200 miliardi che resterà attivo fino a marzo-aprile 2024. È la misura presentata, come riferisce il Corsera, dal Ministro delle Finanze teutonico Christian Lindner per sterilizzare gli effetti del caro bollette.

Christian Lindner
Christian Lindner

Il pacchetto, precisa Il Sole 24 Ore, comprende un taglio di 12 punti percentuali dell’Iva sul gas e prelievi sugli extra-profitti dei produttori di elettricità. Inoltre, il fondo dovrebbe incentivare il risparmio di energia premiando chi consuma meno – ma su questo particolare aspetto si attendono ulteriori dettagli.

Bolletta del gas, Sanzioni
Bolletta del gas

Il piano di Berlino segue il sabotaggio dei gasdotti Nord Stream che, come ha sottolineato il cancelliere Olaf Scholz, bloccherà «l’approvvigionamento di gas alla Germania». Di fatto equivale a un price cap nazionale, e proprio per questo è stato stigmatizzato dai partner europei. Partendo proprio dal Belpaese, che da almeno un anno chiede (invano) un analogo provvedimento – però a livello comunitario.

Olaf Scholz
Olaf Scholz

Illusi d’Italia

«Non possiamo dividerci a seconda dello spazio nei nostri bilanci nazionali» è stata la frecciata del Presidente del Consiglio Mario Draghi. Che ha esortato a «tenere ancora una volta unita l’Europa di fronte all’emergenza».

Mario Draghi con la mano sul viso, Marmolada
Mario Draghi

Ha rincarato la dose, come riporta l’Adnkronos, anche il Premier in pectore Giorgia Meloni. La quale ha affermato in una nota che «di fronte alla sfida epocale della crisi energetica serve una risposta immediata a livello europeo».

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Auspicio legittimo, che però si scontra – as usual – con la dura realtà. Che è quella di un’euroburocrazia che quanto a lentezza se la gioca con gli Ent de “Il Signore degli Anelli”. Basti pensare al Consiglio Ue sull’Energia che si è riunito in via straordinaria ieri, 30 settembre, “appena” 7 mesi dopo lo scoppio della guerra in Ucraina. Per di più senza nemmeno trovare un’intesa, se non – as usual – su provvedimenti utili come un cerotto su un’emorragia.

Tanto per dire che forse, anziché deplorare la «fuga in avanti» della Germania, bisognerebbe imitarla per quanto possibile. Perché, come dicevano gli antichi Romani, dum herba crescit equus moritur. E da Fratelli d’Italia a illusi d’Italia è un attimo.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo