24 Giugno 2021

Pubblicato il

Dopo 319 giorni Stazione Metro Barberini apre a metà ma utenti pagano intero

di Redazione

Barberini è chiusa dal 23 marzo scorso, quando una delle scale mobili della stazione si accortocciò su se stessa

Riaprirà domani mattina la stazione della metro A, Barberini, chiusa da ormai 319 giorni a causa di un guasto alla scala mobile. L'apertura avverrà alle 5.30 ma con quattro scale mobili funzionanti, di conseguenza la stazione sarà operativa solo in uscita. Barberini è chiusa dal 23 marzo scorso, quando una delle scale mobili della stazione si accortocciò su se stessa.

I tecnici dell'Otis, la ditta che sta effettuando la manutenzione, sono ora al lavoro sulle altre due scale mobili, per cercare di aprire la stazione in maniera completa, sia in entrata che in uscita, in tempi brevi. Ad oggi, però, non c'è ancora una data. La conferma ufficiale arriva da una nota dell'Atac.

Ma non piace al Codacons la riapertura a mezzo servizio della stazione Barberini, con la fermata che da domani tornerà in funzione solo in uscita. "La stazione deve riaprire al più presto e completamente, considerato che cittadini, turisti, residenti e lavoratori della zona subiscono un disagio che dura oramai da mesi – afferma il presidente Carlo Rienzi – Consentire il transito a Barberini solo in uscita vuol dire fornire un servizio a metà agli utenti, che però pagano biglietti e abbonamenti a prezzo pieno, e creerà disagi e confusione.

Riteniamo vergognoso che una stazione strategica come Barberini continui a rimanere chiusa al pubblico, creando disagi ai cittadini e offrendo una pessima immagine della città ai turisti", conclude Rienzi. (Zap/ Dire) 

LEGGI ANCHE:

Sanremo 2020, i favoriti e i nomi su cui si scommette…prima della gara

M5S. Regionali Campania: dalla base un poderoso vaffa agli accordi col PD

Roma, Associazioni animaliste scrivono a Raggi: "Revochi delegata, ci scredita"

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento