Vuoi la tua pubblicità qui?
28 Settembre 2020

Pubblicato il

Willy vero guerriero

Colleferro, Sakara: Willy unico vero guerriero, 4 mele marce non c’entrano con arti marziali

di Redazione

"E adesso chi dovrebbe metterci la faccia è il loro allenatore, è lui che dovrebbe chiedere scusa perché è lui che lascia in giro questa gente"

colleferro sakara
Alessio Sakara, campione di arti marziali

L’assurda morte di Willy Monteiro Duarte a Colleferro, brutalmente ucciso dal branco.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“In questa terribile storia c’è stato un solo vero guerriero, Willy, non certo quei quattro che si sono accaniti su una sola persona. Sono mele marce che non hanno niente a che vedere non solo con l’Mma (Mixed martial arts) ma con lo sport in generale, vanno stracacciati da qualunque attività sportiva.

“Il loro allenatore dovrebbe chiedere scusa”

E adesso chi dovrebbe metterci la faccia è il loro allenatore, è lui che dovrebbe chiedere scusa perché è lui che lascia in giro questa gente. Se dobbiamo parlare di Mma, si prenda le responsabilità chi ha insegnato loro questo sport”.

Il campione di arti marziali romano Alessio Sakara, atleta dei pesi mediomassimi nella federazione statunitense Bellator Mma, all’Adnkronos commenta con rabbia l’omicidio del 21enne Willy Monteiro Duarte a opera di quattro ragazzi, due dei quali frequentatori proprio di una palestra di Mma.

“Se mio allievo litiga lo caccio subito”

Se vengo a sapere che un mio allievo ha litigato in discoteca o si è messo in qualche brutto guaio, lo caccio subito senza passare per il via, senza aspettare le scuse – aggiunge Sakara – non esiste proprio. Anche cinque contro uno è una cosa disumana, lo ripeto spesso anche nelle scuole parlando di bullismo.

Purtroppo, come sempre quando uno fa un determinato sport, vogliono trovare il capro espiatorio. Succede purtroppo anche che carabinieri, poliziotti o militari si macchino di crimini terribili, non vuol dire però che siano tutte brutte persone. Il nostro sport è tutto il contrario rispetto a quanto accaduto. E sono sempre di più i campioni a fare del bene, a rappresentare l’Italia nel mondo, a guadagnarsi il rispetto di tutti”.

La palestra degli aggressori: “Non lasceremo sola famiglia Willy”

Lo scrive sulla propria pagina facebook la palestra di Lariano “Millenium” dove si allenavano due dei componenti del branco che ha massacrato di botte, uccidendolo, il 21enne Willy Monteiro Duarte nella vicina Colleferro.

“Stiamo facendo tutto il possibile per affrontare serenamente questo momento veramente doloroso – si legge nel post – oggi (7 settembre, ndr) abbiamo aperto le porte a tutti gli organi di stampa per dimostrare chi siamo e soprattutto che ci siamo. Ci siamo interfacciati con un rappresentante della famiglia del povero Willy, saremo presenti alla cerimonia funebre e non lasceremo sola la famiglia”. (Adnkronos)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento