27 Febbraio 2021

Pubblicato il

Cercando Sergio, che dedicò un libro di Flaubert alla sua amata nel 1983

di Redazione

"In un'epoca satura di messaggini e chat, questo amore e questo libro dimenticati e finiti su una bancarella, credo che meritino di essere salvati dall'oblio"

E’ tornata la primavera, la natura si risveglia, e con essa la voglia di leggere, la lettura. Dovremmo sempre tenere in grande considerazione il valore sociale della lettura nella crescita personale, culturale e civile della persona. Quello che segue è un episodio che ha per protagonista un libro. Ce lo racconta una nostra lettrice: “Gentile redazione di Romait, vi scrivo dalla Sicilia, mi chiamo V. P. e vivo ad Augusta, in provincia di Siracusa.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Qualche giorno fa ho notato un libro che giaceva su una bancarella al mercato della frutta del mio paese,  “L’educazione sentimentale” di Gustave Flaubert, donato con tanto amore nel Natale dell’83; la dedica che vi è impressa nella prima pagina, ha scatenato in me e nei miei amici una grande curiosità di sapere come finì e se finì quella storia d’amore. Ve la trascrivo: “Natale ’83 for you…questo libro è un po’ a scatola chiusa, non l’ho letto, ma me ne hanno parlato bene, e poi d’ora in poi, volente o nolente, riceverai spesso libri di autori francesi, impara ad apprezzarli. Ti amo, Sergio”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

So che il vostro giornale è molto diffuso a Roma e, dal momento che all’interno del libro c’era un biglietto dell’autobus proprio di Roma, che costava 400 lire, ho pensato che l’autore o il destinatario della dedica potrebbero essere ancora vivi e sapere che li stiamo cercando tramite voi.

Vuoi la tua pubblicità qui?

In un’ epoca satura di messaggini e chat, questo amore e questo libro dimenticati e finiti su una bancarella, credo che meritino di essere salvati dall’oblio. Aiutatemi a trovare Sergio o lei ! Vi ringrazio in ogni caso per l’attenzione #cercandoSergio Valeria Paci”  (Foto: Pagina con dedica – biglietto bus)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento