23 Ottobre 2021

Pubblicato il

Beatrice Lorenzin: Nasce “Primavera Roma”, “Saremo Giunta Ombra Raggi”

di Redazione
"Il problema è chiaro, cioe' l'evidente fragilità di un movimento che non sa né gestire l'amministrazione capitolina né i Municipi"

Le due liste civiche 'Roma Popolare' e 'Più Roma-Democratici popolari' si uniscono per mettere in campo progetti comuni con l'obiettivo di risanare la Capitale. Nasce per questo "PrimaVera Roma", una nuova federazione che vuole porsi come "giunta-ombra" a quella Raggi, generando le condizioni di "un'alternativa forte e credibile all'amministrazione capitolina" e mettendo a disposizione le proprie esperienze "per chiamare la società civile alla responsabilità dell'impegno pubblico".

La federazione è stata presentata oggi a Roma, presso la Camera dei Deputati, da Beatrice Lorenzin (esponente di 'Roma Popolare') e dall'ex senatore Lucio D'Ubaldo (portavoce nazionale dei Democratici Popolari).

"Oggi nasce un'unione programmatica tra le due liste civiche che si sono presentate alle ultime elezioni amministrative- ha spiegato Lorenzin (guarda il video)- dando vita ad una vera e propria esperienza civica nella città di Roma, per portare un supporto e una risposta alle domande concrete dei cittadini romani che a nostro parere, dopo 8 mesi di Giunta Raggi, non hanno ancora ricevuto.

Noi siamo poco interessati alle polemiche che abbiamo visto in questi mesi sulla sindaca e sulla sua Giunta, ma siamo invece molto interessati alla mancanza di una visione su Roma, sul debito della Capitale, sulla pulizia della città e sulle sue periferie, oltre che su quegli strumenti ordinari che invece sono fatti passare come straordinari. Per questo faremo una 'giunta-ombra' o alternativa a quella Raggi, con l'idea di poter avanzare proposte all'attenzione di tutti i cittadini".

"Con questa nuova esperienza- ha spiegato quindi D'Ubaldo- vogliamo riuscire a spezzare la linea d'ombra che fa dell'attuale amministrazione una dialettica che non aiuta il cittadino a capire come si possa uscire dalla crisi. Chi governa si impantana giorno dopo giorno nelle sue contraddizioni, mentre chi deve fare opposizione, invece di costruire un'alternativa credibile, si attiene alle singole proposte e ai singoli problemi non riuscendo ad avere una visione d'insieme.

Allora se riusciamo a fare un salto in avanti e se possiamo contribuire anche noi, affinché questo accada, potremmo ritenerci in qualche misura soddisfatti". Duro l'attacco della nuova federazione all'amministrazione capitolina dei Cinque Stelle. Si legge nel manifesto: "Mai come oggi la nostra città ha bisogno di risposte coraggiose e concrete capaci di affrontare il degrado (dal sociale all'istruzione, sino alla mobilità) su cui pesa da ultimo l'impreparazione e l'arroganza della Giunta Raggi".

Il problema è chiaro, prosegue il manifesto, cioe' "l'evidente fragilità di un movimento che non sa né gestire l'amministrazione capitolina né i Municipi". Così, il risultato di mesi di governo locale, è stato contraddistinto "da lotte intestine che nulla hanno prodotto salvo polemiche sulle spalle della citta'".

Lorenzin ha poi aggiunto: "Oggi su un giornale c'era una fotografia che la dice lunga e che ritrae un noto comico che sta girando un film su una buca di Roma. La buca è vera e lui ci sta pescando dentro. Ecco, credo che questa sia un'immagine che e' la sintesi di quello che sta accadendo e della decadenza che sta vivendo la nostra citta'.

Per cui noi ora facciamo un appello a chi civicamente vuole dare un contributo: questa è un'esperienza che mette insieme realtà diverse con il solo spirito di fare un'opposizione costruttiva e formulare proposte concrete. Per questo faremo anche una 'giunta-ombra' a quella Raggi, con l'idea di poter avanzare proposte all'attenzione di tutti i cittadini. Io spero che in questo- ha infine concluso- il Movimento Cinque Stelle sappia recepire idee e progetti per la città".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo