12 Maggio 2021

Pubblicato il

Atac incentiva l’utilizzo del tpl, ma i dati sono allarmanti

di Redazione

Al via la campagna 'Fila via' per gli abbonamenti online. Ma Improta spiega: "Ogni giorno in media 200 mezzi guasti"

Atac lancia la campagna di comunicazione 'Fila via'. Si tratta di facilitare l'adesione agli abbonamenti e la ricarica degli stessi via web. Atac in una nosta spiega che da agosto a ottobre è raddoppiato il numero dei clienti Atac che ha utilizzato il sito www.atac.roma.it per ricaricare l'abbonamento.

Quindi, per continuare a stimolare l'utilizzo delle nuove tecnologie a servizio delle clientela, Atac lancia la campagna di comunicazione 'Fila via' che, dal mese di dicembre, avrà spazio sui principali canali informativi di cui dispone l'azienda (comunicazione in metro e a bordo bus, spot su business tv in banchina e a bordo mezzi, paline di fermata, newsletter e social network web). Da mercoledì verrà inoltre attivato un welcome desk alla stazione Termini, dove personale Atac sarà pronto a informare la clientela sui vantaggi derivanti dall'utilizzo del web per gestire il proprio abbonamento al trasporto pubblico.

Certo è che l'invito di Atac ad aderire alla campagna, cozza con dei dati allarmanti snocciolati oggi dall'assessore capitolino ai Trasporti Guido Improta. "Attualmente in Atac contiamo su una flotta di 2.300 mezzi, di cui realmente a disposizione non sono più di 1.700. Di questi sono in strada circa 1.400 e su 1.400 quotidianamente tornano in officina a causa di guasti, in media, 200. La situazione è quindi drammatica" – ha fatto sapere l'assessore ai microfoni di Radio Popolare Roma.

Quindi, l'appello. "Si può migliorare questa situazione solo con gli adeguati trasferimenti da parte della Regione e anche il Governo solo ora si sta accorgendo che bisogna dare accesso diretto, alle aree metropolitane, al fondo nazionale del trasporto pubblico".

La Regione Lazio – fa sapere ancora Improta – "trasferisce a Roma solo il 30% delle risorse (circa 140 milioni di euro) di quello che a sua volta riceve dal fondo nazionale sul trasporto pubblico, quando in realtà la Capitale soddisfa il 70% della mobilità del Lazio. È evidente che un'azienda come Atac non può più permettersi di essere penalizzata dalla politica regionale".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento