03 Marzo 2021

Pubblicato il

Al teatro 10 di Cinecittà “Sorridendo film festival”

di Redazione

Grande serata agli Studios di Cinecittà con la premiazione del festival "Sorridendo film festival"

Al Teatro 10 di Cinecittà si è tenuto ieri sera con un gran galà la serata conclusiva di "Sorridendo film festival", la seconda edizione della rassegna di corto e lungometraggi creata da Mary Calvi , Presidentessa dell'associazione Sorridendo Onlus, al fine di  raccontare sul grande schermo non solo le diversità fisiche e intellettive, ma tutte quelle differenze da ciò che socialmente è percepito normale e accettabile che fanno ancora paura e sono causa di discriminazione.

La serata è stata presentata da  Emanuela Tittocchia e Attilio Fontana che di volta in volta hanno chiamato sul palco le matrine o i padrini, personaggi del cinema e dello spettacolo, per consegnare i premi assegnati, ricordiamo la partecipazione della Marchesa Del Secco D'Aragona, di Anna Munafò, di Euridice Axen, di Valentina Corti, di Barbara Bouchet, di Simone Terranova, di Matteo Branciamore, di Urbano Barberini.

Nel corso della serata sono stati insigniti del premio sorriso d'oro alla carriera Franca Valeri e Massimo Boldi, del premio Eccellenza nel cinema e nello spettacolo Teddy Reno, Lillo & Greg e Giovanni Veronesi.

I premi assegnati per i cortometraggi e i film in gara sono stati:

– Migliore sceneggiatura al corto "Pre carietà" di Paolo Ricci;

– Migliore attore a Marco Bocci nel corto "The Audition" di Michael Haussman ex aequo con Giorgio Colangeli nel corto "Ce l'hai un minuto" di Alessandro Bardani;

– Migliore cinematografia a Paolo Caimi;

– Miglior soggetto originale al corto "Luigi e Vincenzo" di Giuseppe Bucci;

– Miglior regia a Brando De Sica con il corto "Freihet";

– Migliore produzione emergente alla web fiction "Sos sesso" di Rita Statte e Accademia degli artisti;

– Migliore attrice a Valeria Solarino nel corto "Una morte annunciata" di Valerio Groppa.

Il premio al miglior corto decretato dagli studenti di cinema dell'Accademia Artisti di Roma capeggiati da Fioretta Mari è stato assegnato a "Freihet" di Brando De Sica, già premiato come migliore regia che racconta la storia di una bambina attraverso i pensieri che accompagnano il suo trapianto di cuore; il premio al miglior corto valutato dalla giuria di qualità è stato invece assegnato a "Matilde" di Vito Palmieri, che narra la quotidianità di una bambina non udente; per i lungometraggi il film prescelto è stato "Tutta colpa di Freud" di Paolo Genovese.

Fioretta Mari insieme ad altri docenti dell'Accademia Artisti di Roma hanno poi assegnato quattro borse di studio ai migliori studenti e due premi speciali, fortemente voluti dalla Mari, per due studenti che si sono distinti per capacità e talento, giovani promesse del cinema.

Nel corso della serata sono stati premiati anche i cosiddetti "Ambasciatori del sorriso", personaggi del cinema e dello spettacolo che si sono contraddistinti per il loro impegno sociale.

La serata si è conclusa con l'esibizione del gruppo musicale formato dagli ospiti della comunità gestita dall'Onlus Sorridendo.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento