Vuoi la tua pubblicità qui?
22 Ottobre 2020

Pubblicato il

12ml euro per emergenza smog e 4 proposte dal Ministero Ambiente

di Redazione

Al Ministero dell'Ambiente si è svolta una riunione straordinaria sulla pressante questione smog

Al Ministero dell'Ambiente si è svolta una riunione straordinaria sulla pressante questione smog, a cui hanno partecipato i presidenti di regioni e sindaci, oltre al commissario prefettizio di Roma. Nell'incontro sono state evidenziate quattro proposte principali del ministero per fronteggiare il fenomeno smog:

1) Limite a riscaldamento di due gradi centigradi: riduzione delle temperature massime di riscaldamento negli edifici pubblici e privati. 2) Velocità: abbassamento dei limiti di velocità di 20 km/h in aree urbane (estese a tutto il territorio comunale. 3) Bus gratis: sostegno ai comuni per l'incentivo all'utilizzo del trasporto pubblico locale. 4) Stop condizionato ai camini: limitazione dell'utilizzo della biomassa per uso civile dove siano presenti sistemi alternativi di riscaldamento.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il ministro dell'Ambiente, Galletti ha annunciato inoltre che sarà messo a disposizione da subito un fondo da 12 milioni di euro per le iniziative dei Comuni sul trasporto pubblico locale e la mobilità condivisa. Il ministro ha comunicato che "D'ora in poi, dopo 7 giorni di superamento dei limiti di polveri sottili, il protocollo prevede una serie di adempimenti che i Comuni possono mettere in campo, io dico mettere in campo, ma la titolarità spetta ai Comuni. Come Governo auspico che lì mettano in campo", ha spiegato Galletti, precisando che "Oggi abbiamo stabilito un decalogo, io invito tutti i comuni a seguirlo, certo è chiaro che questo decalogo non ha valore giuridico, la titolarità spetta ai sindaci. Ma ora mi aspetto che non ci sia più la babele dei provvedimenti. Oggi a una grande emergenza abbiamo risposto con una grande alleanza, questo è un grande successo", ha concluso il ministro dell'Ambiente.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento