21 Ottobre 2021

Pubblicato il

Zètema risponde a critiche su campagna informativa Natale 2016

di Redazione
"E' quantomeno singolare paragonare fenomeni molto recenti nati sui social, al lavoro svolto già da numerosi anni dal nostro ufficio creativo"

"L'ufficio comunicazione di Zètema Progetto Cultura utilizza da anni, nelle campagne per la promozione di iniziative ed eventi culturali nei Musei Civici di Roma, l'idea di accostare l'ironia alle opere d'arte. A titolo esemplificativo, basti pensare al visual delle vecchie campagne di Notte dei Musei: nel 2009 c'era una statua comodamente seduta su una sedia che ammiccava ''stasera ti aspetto fino a tardi'', nel 2010 una statua sdraiata con la scritta ''ci sono appuntamenti a cui non puoi mancare'', nel 2011 la testa di una statua con parrucca e orecchini accompagnata dalla frase ''di notte è tutta un'altra cosa'', nel 2012 una statua senza testa con la scritta ''…da perderci la testa!''.

Le campagne indicate, e solo a titolo esemplificativo, sono in allegato e le troverete ancora presenti su internet". Cosiì in una nota Zetema, in risposta alle polemiche sulla campagna di Natale nei Musei 2016.

"E' quantomeno singolare paragonare fenomeni molto recenti nati sui social, in cui l'ironia legata all'opera d'arte è utilizzata al solo scopo di far ridere su una battuta (tra l'altro spesso gergale) al lavoro svolto già da numerosi anni dall'ufficio creativo di Zètema che, nella costruzione del messaggio pubblicitario, deve seguire un obiettivo di comunicazione cercando di sensibilizzare il pubblico su iniziative culturali specifiche nei musei- conclude la nota- utilizzando, come nel caso della campagna ''Natale nei musei'' di quest'anno, l'aggiunta di elementi tematici (panettone, tombola e sciarpa)"

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo