25 Settembre 2021

Pubblicato il

Roma, Raggi: “Finalmente ora ci siamo, Casapound presto sarà sgomberata”

di Redazione
Il palazzo di via Napoleone III, a due passi dalla stazione Termini, dovrà essere liberato a breve
palazzo in via napoleone III occupato abusivamente da casapound a roma
Stabile occupato, sede storica Casapound a Roma

“Presto Casapound sarà sgomberata dal palazzo che da anni occupa abusivamente in pieno centro a Roma. Lo avevo detto anni fa, e ora finalmente ci siamo. Nel corso di una riunione convocata dal prefetto Matteo Piantedosi con i rappresentati di tutte le Istituzioni, è stato fatto il punto sulle occupazioni abusive in città. Il palazzo di via Napoleone III, a due passi dalla stazione Termini, dovrà essere liberato a breve.

“Non paga un canone, non ha un contratto, vive sulle spalle degli altri”

Le procedure prevedono l’avvio di un censimento delle persone attualmente presenti nell’immobile in modo che coloro che hanno delle fragilità possano essere assistiti in altro luogo dagli assistenti sociali di Roma Capitale. Chi non ha alcun diritto, invece, dovrà lasciare quegli spazi immediatamente. La legge è uguale per tutti”. Lo scrive su Facebook la sindaca di Roma, Virginia Raggi. “Casapound, quindi, dovrà abbandonare l’immobile perché non ha alcun diritto di stare lì: non paga un canone, non ha un contratto, vive sulle spalle degli altri.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“Palazzo destinato a chi ne ha veramente bisogno”

La legge, lo ripeto, si rispetta. Chi occupa abusivamente un immobile, chiunque esso sia, deve lasciarlo a disposizione di quelle famiglie e quelle persone che hanno realmente necessità di aiuto. In tal senso ho già presentato delle proposte all’Agenzia del Demanio affinché Roma Capitale possa acquistare l’immobile per poi destinarlo a chi ha veramente bisogno di una casa. Il resto sono solo chiacchiere”, conclude Raggi. (Ago/ Dire) 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo