06 Maggio 2021

Pubblicato il

Roma, la truffa della colf: adesca un pensionato e si fa regalare la casa

di Redazione

La vittima del raggiro è stato avvicinato dalla donna che gli ha chiesto subito di fidanzarsi

Investito bicicletta

Qualche bacio e un po' di effusioni. Sono bastati una sfrenata fantasia e un pizzico di finto romanticismo a una colf romena per raggirare un pensionato 68enne inducendolo a farsi donare un appartamento sulla Tuscolana, quasi 30mila euro tra accrediti e regali, e pure a sottoscrivere un matrimonio riparatore. Nozze celebrate in fretta in Romania nel 2017 a quattro anni dalla nascita di un bambino.

«Sai che sono illibata- lo rassicurava lei – ma è col tuo seme, anche se raccolto senza intimità, che abbiamo concepito nostro figlio». L'innamorato raggirato, ex impiegato pubblico affetto da un ritardo mentale, le crede.

La donna, 32 anni, sarà processata per circonvenzione di incapace. Attualmente è sottoposta agli arresti domiciliari, lontana dal suo bambino, figlio, come si è scoperto poi, di un connazionale.

La vittima del raggiro, un dipendente pubblico per quarant'anni archivista in vari commissariati di Polizia, era stato avvicinato dalla donna. Lei le chiede subito di fidanzarsi. Non vuole e non offre intimità perché è religiosa, spiega, e tiene alla sua illibatezza. Ma ama i regali. Così lui apre in continuazione il portafogli per accontentarla, specie nel periodo in cui lei torna in Romania, a suo dire, per stare vicina al figlio avuto con lui, mentre in realtà è sposata e ha un marito.

La procura fa un conteggio: «Tra il 2013 e il 2017 l'indagata si è fatta versare tramite la Western Union 24.000 euro». Altri 2.000 in contanti dopo la vendita di un appartamento, mentre nel 2018 ottiene anche la donazione di una casa. Sono stati agenti di polizia a segnalare il caso in procura. L'uomo, mentre sistemava documenti dentro l'ultimo Commissariato in cui ha prestato servizio, borbottava in continuazione: «E quanti regali vuole la mia fidanzata. Sono anni che sta in Romania. Sta là con nostro figlio. È nato in provetta. Ha preso il mio seme e lo ha portato là».

Per suggellare l'amore con il 68enne, la donna fa ancora di più. Si separa dal marito romeno e sposa il romano. «Così riuniamo la famiglia, anche se tu continuerai a vivere a Roma e io nel mio Paese», lo rassicurava. Il 23 giugno del 2017 vengono celebrate le nozze. Tre mesi dopo la separazione. La colf incontrata nel giardinetto nel frattempo si era assicurata il diritto all'eredità. La segnalazione arrivata in procura però guasta i suoi piani. A maggio viene sottoposta alla misura cautelare degli arresti domiciliari. Subito dopo l'appartamento di via Roccabernarda che la donna si era fatta donare a un anno dalle nozze viene sottoposto a sequestro.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento