Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
24 Maggio 2022

Pubblicato il

Parla la tassista violentata a Roma: “La mia vita è rovinata”

di Redazione
"Piango di continuo, spero che Borgese resti in carcere a vita". La madre: "Deve pagare ma non è un mostro"

Parla a "La Repubblica" la tassista violentata nella giornata di venerdì 8 maggio a Roma da Simone Borgese. Le sue parole sono eloquenti e devono far riflettere, nonostante possano a prima vista sembrare ovvie. Ma non deve esserci nessuna ovvietà di fronte a questi miserabili atti ma solo ed esclusivamente indignazione: "Quell'uomo ha rovinato la mia vita – ha affermato – mi ha distrutto. Spero che rimanga in carcere a vita".

La donna ha ripercorso quegli attimi di terrore, sottolineando come Borgese abbia usato "la forza bruta", che l'ha fatta sentire "inerme e impotente". "Piango di continuo – aggiunge la tassista – quando ripenso a ciò che ho provato. Mi auguro che l'aggressore resti in carcere per tutta la vita, in modo che non possa più nuocere a nessuno ed è per questo che sono sollevata per il fatto che sia stato preso in beve tempo. Sono rimasta colpita dalla naturalezza con la quale si è allontanato dopo avermi violentata, pare come se fosse abituato a trovarsi in quelle situazioni". La 43enne, nonostante lo shock, ha comunque intenzione di "continuare a guidare i taxi, è il mio lavoro"

Nel frattempo anche la madre di Borgese ha rilasciato alcune dichiarazioni. "Mio figlio deve pagare per quello che ha fatto – ha affermato affranta la signora Giuliana a Il Tempoma vi prego di credermi che non è un mostro. Lui ha sofferto tanto: suo padre era barbone e violento e la moglie lo ha lasciato".

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo