08 Marzo 2021

Pubblicato il

Occupato il ‘Bidet’ di San Paolo

di Redazione

Occupazione da parte dei Movimenti per la casa

Stavano partecipando al corteo dell'Usb i Movimenti per la Casa diretto verso la Regione Lazio, al coro di "Reddito contro Rendita", quando hanno deciso di occupare lo stabile, lasciato incompleto, tra via Costantino e via Galba, a San Paolo, denominato 'Bidet' per via della sua forma.

Si tratta di una struttura destinata ad essere un hotel, pensata per l'ex Fiera di Roma, prima che questa fosse spostata a Fiumicino, di cui avevamo parlato anche in occasione del nostro 'Tour del Degrado' nel Municipio VIII.

“No Rendita, Sì Reddito”, “Meno Sprechi, Più Case”: questo si legge su una delle facciate di questo mega-palazzo, ultimato almeno per quanto riguarda la struttura esterna. E poi abbandonato. Tuttavia, già da tempo e prima di questa occupazione la struttura era mira di 'attacchi esterni': la recinzione era stata rotta ed, evidentemente, qualcuno si era introdotto all'interno.

La paralisi amministrativa ha fatto sì che questo stabile non fosse mai affidato al Comune, per potervi realizzare alloggi per giovani famiglie o per gli studenti di Roma Tre, l'Università che sorge tutt'intorno al quartiere di San Paolo.

Gli anni sono passati – circa 10 – e alla fine, lo stabile è stato occupato proprio dai Movimenti per la Casa in corteo verso la Regione Lazio. "Ma quale garanzia giovani? Vogliamo la garanzia al reddito per tutti" – si legge su uno striscione affisso sulle mura dell'edificio, in segno di appropriazione avvenuta.
A fare irruzione, soprattutto attivisti dei Movimenti. Molti altri, soprattutto immigrati, sono rimasti fuori dalla struttura, occupando i marciapiedi e il piccolo parco antistante il 'Bidet'.

Sul posto, anche la Polizia e i Carabinieri, che stanno presidiando la zona e che si sono schierati davanti all' 'ingresso' dell'hotel (creato forzatamente attraverso la rottura della rete di recinzione), probabilmente per evitare altre incursioni illecite. Al momento non si registrano disordini.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento