Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Maggio 2022

Pubblicato il

Tutto su "Zia Mara"

Mara Venier: chi è, età, carriera, amori, figli e vita privata

di Enrico Salvi
Carriera, vita privata e curiosità di Mara Venier, uno dei volti più conosciuti della televisione italiana
Mara Venier con Walter Veltroni
Mara Venier con Walter Veltroni (Foto di Franco Ferrajuolo per RomaIT)

Volto ormai storico della televisione italiana, Mara Venier ha avuto una lunga carriera non solo nel piccolo schermo. Diversi fatti della sua vita privata l’hanno resa ancora più celebre. Andiamo a scoprire gli aspetti più o meno noti della conduttrice, soprannominata anche “Signora della Domenica” e “Zia Mara”.

Mara Venier con Walter Veltroni
Mara Venier con Walter Veltroni (Foto di Franco Ferrajuolo per RomaIT)

Mara Venier: la sua biografia a partire dal suo vero nome

All’anagrafe Mara Povoleri, in arte Mara Venier, nasce a Venezia il 20 ottobre del 1950. È figlia di Giovanni Povoleri, fruttivendolo di Rialto, ed Elsa Masci, figlia a sua volta di una famiglia di origini pugliesi, ha una sorella di nome Roberta. Appena 17enne, a Milano incontra colui che sarà il suo primo marito e il padre della sua primogenita: il modello veneziano Francesco Ferracini. Rimane incinta, sposa il 13 giugno 1968 Ferracini e il 3 ottobre dello stesso anno nasce Elisabetta, bimba prematura e cagionevole che però si salverà. Mara decide di raggiungere nel 1971 Ferracini a Roma, contravvenendo alla sua idea iniziale di aprire una profumeria.

Gli esordi prima di diventare attrice

Mara Venier nella capitale comincia a lavorare come fotomodella e commerciante prima di iniziare la carriera da attrice quasi per caso. Nel ’71 accompagna Ferracini ai provini per il film Diario di un italiano, di Sergio Capogna, ma alla fine venne scelta lei come protagonista femminile. Per la sua interpretazione riceve il Laceno d’oro come Migliore attrice giovane.

Così inizia a lavorare sempre di più nella recitazione: partecipa alla serie TV di Dario Argento La porta sul buio nell’episodio La bambola e negli Anni Ottanta seguirono film, come Zappatore (1980) di Alfonso Brescia con Mario Merola, ma anche molte commedie all’italiana come Testa o croce (1982) di Nanni Loy in cui affiancò Renato Pozzetto. Molti di questi, come Al bar dello sport (1983) e la serie televisiva Professione vacanze trasmessa su Italia 1 nel 1987, furono girati con l’allora compagno Jerry Calà.

Il suo ultimo film per il cinema è Pacco, doppio pacco e contropaccotto, di Nanni Loy (1993). Nella seconda metà degli anni Novanta recitò in alcune fiction televisive come La voce del cuore (1995), Il goal del martin pescatore (1996) e Ritornare a volare (1998). Dal 1998 abbandona l’attività di attrice per concentrarsi solamente su quella di conduttrice televisiva, tornando al cinema solo per interpretare sé stessa in brevi cammei, ad esempio Paparazzi (1998), Torno a vivere da solo di Jerry Calà (2008) e Vacanze di Natale a Cortina (2011).

Mara Venier durante Domenica in
Mara Venier durante Domenica in (Foto di Franco Ferrajuolo per RomaIT)

Mara Venier e la carriera di conduttrice

Lo stesso Nanni Loy la scoprì nel piccolo schermo, lanciandola con alcune candid camera. Di lì a poco cominciò a muovere i primi passi da conduttrice con piccole trasmissioni come Cantagiro (accanto ad un giovane Fiorello), Una rotonda sul mare e Ora di punta. La svolta arriva nel 1993 quando l’allora direttore di Rai 1 Carlo Fuscagni la scelse per affiancare Luca Giurato a Domenica in. Ottenne un successo personale che le permise di diventare, nella stagione successiva, la conduttrice di punta e l’autrice della trasmissione, che in quei tre anni ottenne grandi ascolti.

Nell’autunno di quell’anno decise di andare a Mediaset con programmi dallo scarso successo come Una goccia nel mare e Forza papà. Dopo tre anni il ritorno in Rai e, nella stagione 2002-2003, a Domenica In, richiamando con sé buona parte del cast con cui divise le edizioni degli anni Novanta senza però riuscire a ripetersi. L’anno successivo rimase ai box per poi tornare al contenitore domenicale l’anno dopo, affiancata da Paolo Limiti e Massimo Giletti.

La famosa lite verbale fra Adriano Pappalardo e Antonio Zequila durante la puntata di Domenica in… TV del 22 gennaio 2006 ebbe ripercussioni anche su Mara Venier. Conclusasi la stagione, accusata di non avere frenato le intemperanze dialettiche dei due, fu sostituita da Lorena Bianchetti per la stagione successiva. Questo allontanamento causò una battuta d’arresto alla sua carriera, che negli anni successivi condusse solo show minori e spettacoli evento.

Torna in auge nella stagione 2010-2011, quando fu scelta alla conduzione su Rai 1 de La vita in diretta, affiancando il giornalista Lamberto Sposini nella prima annata e Marco Liorni nelle successive due dopo i problemi di salute del primo. Nel settembre 2013 torna a Domenica in per una stagione prima di tornare a Mediaset in quella successiva.

Mara Venier e Antonella Clerici durante una trasmissione
Mara Venier e Antonella Clerici durante una trasmissione (Foto di Franco Ferrajuolo per RomaIT)

Gli anni ’10 tra Mediaset e Rai fino a Sanremo

Al Biscione per tre anni è giudice popolare di Tú sí que vales e opinionista de l’Isola dei Famosi, ruolo già ricoperto nel 2007 quando il reality andava in onda su Rai2. Conduce anche alcune puntate di Striscia la notizia con Michelle Hunziker (2015).

Dalla stagione 2018-2019 la Venier torna di nuovo in Rai, dove riprende la conduzione di Domenica in. Nell’ottobre 2019 vince il Leone d’oro alla carriera consegnato a Domenica In dal sindaco di Venezia per il grande contributo dato alla televisione italiana. Conduce anche serate evento come Una voce per Padre Pio ed il programma di prima serata La porta dei sogni. Tra il gennaio e febbraio 2020 conduce su Rai Radio 2 il programma radiofonico Chiamate Mara 3131, prima di uno dei suoi sogni. Nella serata finale del Festival di Sanremo è infatti co-conduttrice insieme ad Amadeus.

Durante la sua carriera ha scritto tre libri. Il primo è “A tu per tu” edito da Rizzoli (1995), a cui fanno seguito diversi anni dopo “Amori della zia”, edito da Mondadori (2015) e “Mamma, ti ricordi di me?”, dedicato alla madre morta per Alzheimer qualche anno prima, edito da Rai Libri (2021).

Curiosità e vita privata di Mara Venier

Mara Venier ha avuto una vita privata e sentimentale molto movimentata. Come già accennato, si è sposata 17enne con Francesco Ferracini, venuto a mancare nel 2016. Nello stesso anno nasce la sua primogenita Elisabetta Ferracini.

Negli anni ’70 conosce l’attore Pier Paolo Capponi da cui, nel 1975 diventa madre del suo secondogenito, Paolo Capponi. Negli anni Ottanta ha poi una relazione con Jerry Calà: sposato nel 1984, divorzia tre anni dopo. Ebbe un’intensa storia d’amore con Renzo Arbore, durante il quale perse un figlio in gravidanza, come rivelato a L’Intervista di Maurizio Costanzo parecchi anni dopo. Ebbe una storia anche con l’attore italo-americano Armand Assante, fino al produttore cinematografico Nicola Carraro, sposato nel 2006 e attuale marito. È nonna di Giulio, nato dalla primogenita, e Carlo, nato da Paolo Capponi.

Mara Venier con Renzo Arbore e Al Bano
Mara Venier con Renzo Arbore e Al Bano (Foto di Franco Ferrajuolo per RomaIT)

Mara Venier è stata al centro di qualche vicenda giudiziaria risalente agli anni Novanta. Insieme a Pippo Baudo e Rosanna Lambertucci viene indagata dal Tribunale di Milano con l’accusa di avere richiesto compensi personali extra per interpretare in modo persuasivo i messaggi pubblicitari. Nel 1998 la Venier patteggia la pena di un anno e quattro mesi per concussione dopo avere risarcito le aziende danneggiate.

La conduttrice ha il buffo record di aver preso parte allo show più breve della storia della TV insieme a Katia Ricciarelli. Infatti il programma Katia e Mara verso oriente (2000) venne interrotto dopo pochissimi secondi a causa di un nubifragio. Sorte simile toccò un anno dopo allo show Venezia, la luna e tu: ancora in conduzione le due, ancora interrotto a causa della pioggia. Mara Venier ha anche sfiorato il mondo della politica. Infatti rifiutò la proposta di Silvio Berlusconi di candidarsi a sindaco di Venezia nelle elezioni amministrative del 2015.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo