Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
26 Maggio 2022

Pubblicato il

Roma. Manifestazione No Tav, danni a città e commercio

di Redazione
2 milioni di euro di mancato incasso per i commercianti di Roma. Oggi l'incontro con Lupi

IL MANCATO INCASSO – Una volta terminato il corteo di sabato, i movimenti antagonisti hanno deciso di accamparsi a Porta Pia. Qui, i commercianti, che già hanno tenuto chiusi i loro negozi nel giorno della manifestazione per il timore di subire danni, ancora non hanno alzato le saracinesche. Bilancio finale: non pervenuto. O meglio, totalmente in rosso.

“Per molti commercianti, queste giornate di cortei si sono trasformate in un disastro economico – commenta il presidente di Confcommercio Roma, Giuseppe Roscioli – C’è chi ha perso mezza giornata di profitti per la chiusura, chi la giornata intera, chi addirittura due”. Il calo complessivo dei fatturati, dunque, ammonta a circa 2 milioni di euro.

20MILA TONNELLATE DI RIFIUTI – Oltre le saracinesche dei negozi abbassati, bisogna anche fare i conti con i cassonetti danneggiati, le vetrine rotte, i muri imbrattati, l’immondizia che ha riempito le strade. Raccogliere le circa 20 tonnellate di rifiuti costerà a Roma 20 mila euro; altri 18 mila se ne andranno per ripulire i muri; altri ancora per sistemare i danni che la Capitale ha subito complessivamente. Da aggiungere al bilancio, anche i soldi per le Forze dell’Ordine impiegate nei presidi alle zone della manifestazione. Senza contare i costi di pulizia e riordine che dovrà subire la zona di Porta Pia, che nelle prossime ore sarà liberata dall’accampamento, che si è trasferito nel parcheggio antistante il palazzo ministeriale.

Un accampamento che, a detta dei manifestanti, non è il punto d’arrivo, ma l’inizio di un nuovo movimento che, oltre a sposare le cause dei No Tav della Val di Susa, giunti a Roma sabato, chiede “casa e reddito per tutti”. Si chiede, infatti, che i soldi pubblici siano utilizzati “per un vero welfare che tuteli precari, disoccupati, famiglie messe in ginocchio dalla crisi“, e che “un nuovo piano di case popolari” e “vere forme di sostegno al reddito”, vengano messe in atto.

I manifestanti, inoltre, hanno anche intenzione di scendere nuovamente in piazza per mostrare la loro solidarietà agli arrestati nel corso della giornata di sabato, 6 in tutto tra i 15 fermati (gli altri sono stati denunciati), che attualmente si trovano a Rebibbia e Regina Coeli.

L’INCONTRO COL MINISTRO LUPIOggi, si terrà l’incontro tra gli antagonisti e il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio Lupi, per rinnovare la richiesta del blocco degli sfratti e di trovare misure idonee ad arginare l’emergenza abitativa. All’incontro prenderà parte anche il sindaco Marino.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo