20 Settembre 2021

Pubblicato il

Francesco Storace (La Destra): “Quando il popolo dice no è no”

di Redazione
"Giorgia Meloni resterà una meteora se non accantona rancori e veti, la strada che percorre è senza uscita"

Quando il popolo dice di no, è no. È evidente il responso dei romani alla nostra proposta amministrativa per la città. Recriminare non serve: è così e basta e ce lo teniamo".

Lo scrive Francesco Storace, segretario nazionale de La Destra. "Per quanto mi riguarda non ci sarà un girone di ritorno. Le elezioni se le farà qualcun altro, io ho dato e avuto, processi compresi. La politica continua a piacermi, ma senza il consenso dei cittadini è inutile illudersi. La si può fare sostenendo anche progetti altrui, senza per questo doversi candidare a tutti i costi. Non è bastato neanche il valore della dignità: Giorgia Meloni ha preferito un silenzio ostile al nostro sostegno alla sua corsa per il Campidoglio, meglio qualche arnese della vecchia partitocrazia a noi, che pur veniamo dalla stessa scuola.

Il risultato la premia, in coerenza con i tempi che viviamo. E dalla sua bocca – afferma Storace su Il Giornale d''Italia – non è uscita neppure una parola di gioia per la mia assoluzione contro Napolitano, tanto è faziosa. Le ho ascoltate persino da esponenti di sinistra, ma lei no.

Noi sicuramente paghiamo l'alleanza sbagliata, ma intanto un sacco di gente continua a non votare: manca una proposta politica. Del resto, il movimento della Meloni – e non lo scrivo con gioia – si ferma ai confini del Lazio. Le percentuali raccolte a Milano, Torino, Bologna, Napoli sono davvero basse, addirittura inferiori a quelle che raccolse La Destra nel suo esordio alle elezioni politiche del 2008.

Manca il messaggio ampio e arioso della destra nazionale e Fratelli d'Italia lo riserva solo a sé, non rendendosi conto che la pretesa egemonica di rappresentare il tutto è insensata, visti i numeri elettorali. Io sono un uomo orgogliosamente di destra, auguro alla Meloni ogni successo, ma la strada che percorre è senza uscita. Alla fine del tunnel troverà in testa al convoglio Matteo Salvini, che col 2,7 raggranellato a Roma – poco per le sue ambizioni, qualcosa se si pensa a quello che è stato il rapporto tra la Lega e la Capitale negli anni scorsi – ha deciso che cosa fare e disfare nella Città eterna.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Non ho bisogno di candidature per fare politica, ma di libertà per dire e scrivere quello che penso. Se la Meloni vuole essere leader – conclude Storace – deve accantonare rancori e veti; altrimenti resterà solo una meteora di questi tempi grigi che travolgono tutte le identità. Ci pensi prima che sia troppo tardi".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo