Vuoi la tua pubblicità qui?
29 Ottobre 2020

Pubblicato il

Esplosioni Beirut: non un attentato, una tragedia in un paese al collasso

di Giulia Bertotto

Esplosioni Beirut: abbiamo analizzato l'accaduto con Marco Guidi, esperto di Medio Oriente ed ex inviato di guerra: non si tratterebbe di un attentato

L'onda d'urto a Beirut
Esplosioni Beirut

Le due esplosioni avvenute ieri, 4 agosto, a Beirut, capitale del Libano, in un magazzino attenzionato già dal 2014, ha causato 78 morti e 4mila feriti, ma il bilancio sembra destinato a crescere. I boati sono stati uditi a 200 km di distanza.

Il ministro Hamad Hasan consiglia ai cittadini di andare via dalla città, perché i materiali tossici sprigionatisi nell’aria possono causare gravi problemi respiratori. Dirigenti militari Usa avanzano l’ipotesi di un attentato. Il Libano è un territorio già in ginocchio per il Covid-19, la povertà, le tensioni tra gruppi rivali e il conflitto con Israele al confine sud.

Abbiamo analizzato l’accaduto con Marco Guidi, esperto di Medio Oriente ed ex inviato di guerra de ‘Il Messaggero’.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“Io non credo a un attacco doloso, né di matrice israeliana né da parte degli Hezbollah (il “Partito di Dio” con braccio paramilitare di ispirazione sciita), semplicemente perché non ne vedo i vantaggi. In quel sito era depositato il nitrato di ammonio altamente esplosivo che serve ad armare le testate dei missili. Si parla di 300 tonnellate. Era un porticciolo con molti traffici clandestini e non sappiamo in realtà quante armi si trovassero lì, perché oltre a quelle legali c’è un fitto traffico di armi illegali.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Credo sia stata una disgrazia, di un attentato non vedo la ratio. Il Libano è una nazione in miseria, le banche sono al fallimento, non hanno soldi per pagare petrolio, né farina per i poveri. Hezbollah continua la sua guerra a dispetto dei civili disperati, favorita dai palestinesi. Il Libano è un ex paese felice, sull’orlo della bancarotta. Il pluralismo politico, diventato diventato pluralismo militare, lo ha ridotto così. Buona parte della colpa è degli Hezbollah, impegnati nella guerra contro Israele, ai soldi dell’Iran”.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento